ernia  
 
Utente 444XXX

Buongiorno Egregi dottori,

circa un mese fa rimasi bloccato con la schiena semplicemente svolgendo un'attività senza sforzi.
A seguito dell'evento mi fu diagnosticata dal mio medico di famiglia una lombosciatalgia trattata con 9 iniezioni di Trocortin+Toradol e Tricortin+Ketoprofene.
In mancanza di risultati apprezzabili ho effettuato, dopo nuovo consulto con il mio medico, una radiografia alla colonna lombosacrale il cui referto è il seguente:

Accenno a curvtura lombare sinistro-convessa d'ampio raggio;
Lieve retrolistesi di L5 su S1;
Modeste note di artrosi con appuntimento di alcuni spigoli somatici;
Spazio discale L5-S1 ridotto sul versante posteriore.


Innanzitutto chiedo un Vs parere in merito al referto radiografico e se a Vs avviso è opportuno, come consigliatomi dal mio medico, effettuare una risonanza magnetica per una presunta ernia del disco rilevabile dal suddetto referto.

In attesa di un Vs cortese riscontro porgo i miei sinceri saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. V Scipione
24% attività
16% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Caro Signore Lei ha una curvatura scoliotica verso sinistra del rachide lombare,con moderate alterazioni artrosiche e una "riduzione in ampiezza posteriormente dello spazio intersomatico L5-S1 "SEGNO INDIRETTO" che indica una discopatia ma non necessariamente un'ernia del disco in atto.
Tuttavia essendo lei "sintomatico" ovvero "portatore di lombosciatalgia" vale la pena a questo punto completare l'iter diagnostico eseguendo una indagine RM,per poter,sulla base di ciò che emergerà in sede di refertazione,sottoporsi ad una terapia mirata.

La saluto
[#2] dopo  
Utente 444XXX

Iscritto dal 2017
Buonasera

a seguito di prescrizione del mio medico e dietro Vs consiglio ho effettuato la risonanza magnetica in aggiunta alla Rx già precedentemente descritta.
L'esito del referto dice quanto segue:

Si rileva un minimo atteggiamento scoliotico sinistro-convesso.
A livello L5-S1 pare riconoscersi un lievissimo accenno di retro-posizione di L5 rispetto ad S1, con la presenza di un'ernia discale in sede posteriore mediana-parameridiana, in modo lievemente più accentuato a sinistra, con impronta sul tessuto adiposo epidurale anteriore e sul bordo anteriore del sacco durale, a contatto con entrambe le radici nervose S1; il disco intersomatico è caratterizzato da segni di disidratazione.
Minute ernie intraspongiose discendente di Schmorl sono apprezzabili a carico delle limitanti somatiche di L3 e L4.
Appaiono modicamente ipertrofici i massicci articolari in alcuni livelli.
Non vi sono altri aspetti da segnalare a carico dell'astuccio osteo-disco-legamentoso.
Le dimensioni del canale spinale a livello di L£ e L4 sono ai limiti inferiori della norma.
Il cono midollare appare integro, normo-rappresentato e normo-intenso.

A seguito della lettura del referto, sapreste indicarmi in parole comprensibili cosa significhi tutto questo? Qualora necessaria, quale sarebbe, una terapia adeguata?E' consigliabile approfondire la diagnosi con altri accertamenti diagnostici?
In attesa di una Vs cortese quanto gradita risposta porgo i miei più sinceri saluti.
[#3] dopo  
Dr. V Scipione
24% attività
16% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Dal referto RM emerge di rilievo quanto segue:
"A L5-S1...ernia discale postero-mediana paramediana più accentuata a sinistra........."
Il disco in effetti erniando impronta il sacco durale e le radici S1 e presenta segni di disidratazione ovvero il disco pur erniato in realtà appare degenerato e qundi "l'effetto compressivo" sulle radici e le strutture comprese nel canale spinale è "meno rilevante" anche dal punto di vista dei "sintomi".
In questi casi,conclusi gli accertamenti radiologici,diventa prioritario sottoporsi per competenza Specialistica a visita Neurochirurgica per le terapie del caso.

Arrivederci