paura  
 
Utente 444XXX
Ciao sono ragazzo di 21 anni e sono nel panico più totale. Ieri ho avuto un rapporto non protetto con la mia ragazza ed è andato tutto bene con la conclusione del rapporto all'esterno. Ora però,visto che lei non prende la pillola, mi sta salendo un'ansia insopportabile perché ho paura che non so tipo il presperma o comunque tracce involontarie di sperma possano essere uscite.
Siccome è una situazione del tutto nuova per me sono molto preoccupato, avete consigli da darmi? È giusto che sia preoccuparto o sto esagerando?
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
fa bene ad essere preoccupato perchè il coito interrotto non è un metodo contraccettivo.
Un metodo contraccettivo è il preservativo che le permette di vivere anche una sessaulità appagante e serena.
Ciò detto, vanno valutate tante varialbili: in che giorni del ciclo si trovava la sua ragazza, il suo controllo eiaculatorio (piccole quamtità di sperma possono sfuggire durante le spinte pelviche mentre ci si avvicina all'orgasmo...
Perciò è bene che la sua ragazza se è maggiorenne attui la contraccezione di emergenza con Norlevo od Ellaone.
Al più presto.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 444XXX

Iscritto dal 2017
La ragazza ricordo ha avuto il ciclo un paio di settimane fa. Comunque io sono passato in farmacia e mi hanno detto che solo nei casi in cui l'eiaculazione è avvenuta all'interno si dà la pillola del giorno dopo essendo una bomba ormonale, non nei casi come il mio che il tutto è nato da forse un'eccessiva paura perché comunque il rapporto è stato controllato e terminato all'esterno.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Senta sulla "bomba ormonale" stendo un velo pietoso.
Del resto il Farmacista non è un farmacologo.
Mi ha chiesto un consiglio e io gliel'hò fornito.
Si fidi della farmacia ma sappia che ha avuto il rapporto nei giorni teoricamente fertili della sua ragazza.
Si affidi pure alla farmacia.
Il consulto può ritenersi concluso.
cari saluti,
Dott. Caldarola.