Login | Registrati | Recupera password
0/0

La pitiriasi roseea quella più corretta

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2006

    La pitiriasi roseea quella più corretta

    Buongiorno, qualche settimana fa sull'avambraccio (parte sotto) comparsero 2 macchie tondeggianti rosse (diam. 3 cm).

    Poi, sempre negli avambracci (parte sopra,dove ci sono i peli), notai dei leggeri contorni di 15 macchie sul dx e 15 sul sx (non paragonabili alle prime 2) che si arrossavano quando uscivo dalla doccia, per poi tornare quasi invisibili a pelle asciutta.

    Successivamente queste macchie secondarie presero le caratteristiche delle prime 2 (ma di diam. superiore 4/5 cm.) e tutte con un leggero prurito.
    Inoltre se ne aggiunsero anche 3/4 sotto le ginocchia ed 5/6 sparse sul torace.

    Andai dal dottore che mi inviò dal dermatologo con una sosp. psoriasi.
    Il dermatologo, a sua volta, disse che non si capiva bene: poteva essere o dermatite, o leggera psoriasi.
    Mi diede una crema leggera e grassa da applicare per una sett. e in caso di non guarigione una ricetta per una crema più forte.

    Non soddisfatto, prima di mettere le creme, mi informai tantissimo su internet e leggendo tra tutte le malattie della pelle identificai (tra foto e sintomi) la pitiriasi roseea quella più corretta.

    Passati 3 gg dal consulto e non avendo applicato nessun tipo di creme, le macchie diventarono molto meno rosse e tutte con pelle secca sopra.

    Poi ho messo pochissima crema idratante per neonati e sono di nuovo diventate abbastanza rosse.
    Il fatto strano é che sono in rilievo, tipo quando si viene punti da insetti che la pelle si gonfia, prudono leggermente e mi sembra che "spingano" verso l'esterno....


    Volevo chiedervi quindi un consulto e capire se è meglio andare a fare altre visite specialistiche.

    GRAZIE per l'interesse.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 29 Medico specialista in: Dermatologia e venereologia

    Perfezionato in:
    Medicina estetica

    Risponde dal
    2004
    Caro amico,dalla descrzione che fai mi orienterei,oltre ke su una pitiriasi rosea,su una orticaria fisica,vista la fugacita' delle lesioni,il loro aspetto pomfoide descritto,la comparsa in sedi differenti e soggette a stimoli di tipo pressorio.Non mi sentirei di escludere,pero',un eczema'sistemico'o una psoriasi guttata.Saluti



  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 27 Medico specialista in: Dermatologia e venereologia

    Risponde dal
    2001
    Egregio Signore
    La descrizione delle lesioni non orienta per una pitiriasi rosea di Gilbert e ritengo che solo l' osserva-zione clinica degli elementi possa guidarci verso i sospetti diagnostici: la sola visita potrebbe non essere dirimente senza l'ausilio di indagini mirate.
    Distinti saluti.
    Dr.ssa Floria Bertolini
    Padova- Poliamblatorio Casa di Cura Privata Morgagni
    Via Cavazzana 63/67 Tel:049.8222800/8222801
    Vicenza - Centro Medico Palladio Via Lussemburgo, 57
    tel.; 0444/322210





  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 16 Medico specialista in: Dermatologia e venereologia

    Perfezionato in:
    Medicina estetica

    Risponde dal
    2006
    Egregio Signore,
    La descrizione da lei fatta riguardo alle lesioni cutaneee e visto la fugacità di comparsa, orienterebbero la diagnosi verso un'orticaria fisica. Tuttavia non escluderei a priori la diagnosi di pitiriasi rosea di Gilbert. Il mio consiglio è quello di rivolgersi nuovamente dal dermatologo perchè l'osservazione clinica ed una corretta Anamnesi possono chiarire in merito.



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 67 Medico specialista in: Dermatologia e venereologia

    Risponde dal
    2004
    Gentile utente,
    dai sintomi da Lei descritti, tutto fa pensare ad una Pitiriasi Rosea di Gibert. Dalla data di esordio dovranno trascorrere 4-6 settimane fino alla completa risoluzione e nel frattempo possono comparire nuove chiazze agli arti e al tronco senza interessare mai il viso. In ogni caso tra qualche settimana faccia una visita di controllo presso il Suo Dermatologo per stabilire l'evoluzione della patologia, che nella maggioranza dei casi è autorisolutiva in poco più che un mese. La visita di controllo sarà utile a confermare che si tratti effettivamente di una Pitiriasi Rosea di Gibert e ad escludere invece una Psoriasi che come è noto ha un decorso più infausto. Cordiali saluti.

    Dott. Antonio DEL SORBO
    Medico Chirurgo - Specialista in Dermatologia
    Dottore di Ricerca in Dermatologia Sperimentale
    Corso Nazionale, 139 - 84018 Scafati (Salerno)
    Telefono Studio Scafati: 081/8502377 - Cellulare: 338/6422985 - Email: antoniodelsorbo@libero.it



  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2006
    GRAZIE a tutti per l'interesse dimostrato e complimenti per questo servizio web offerto.

    A distanza di tempo, posso dire che le "macchie" si sono "sgonfiate e scolorite" cioé sembrano normalizzarsi, anche se ancora visibili. Dopo la doccia tornano molto rosse per poi "normalizzarsi" dopo poco tempo.
    Non ho applicato creme o altro per vedere l'evoluzione e non sono comparse nuove macchie.

    Posso però dire che sopra ogni macchia é come se ci fossero delle crosticine poco visibili e pelle secca, ma presumo siano dovute al fatto che non ho utilizzato creame idratanti...

    In settimana fisso nuovo appuntamento con dermatologo.

    Grazie ancora



  7. #7
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2006
    scusate, ma volevo chiedere se é normale che dopo 8 settimane da quando ho scritto qui, le macchie principali si notino ancora (non in maniera evidente, ma comuneque visibili)....

    Quindi la comparsa delle macchie risale a circa 11/13 settimane fa....

    é normale per la Pitiriasi Rosea di Gibert?

    GRAZIE ancora per la vostra disponibilità



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 27 Medico specialista in: Dermatologia e venereologia

    Risponde dal
    2001
    Egregio signore,
    Lei ci pone una domanda a cui non possiamo rispondere, visto che le ipotesi diagnostiche erano varie. Le è stata posta una diagnosi definitiva?
    Distinti saluti
    Dr.ssa Floria Bertolini



  9. #9
    Indice di partecipazione al sito: 16 Medico specialista in: Dermatologia e venereologia

    Perfezionato in:
    Medicina estetica

    Risponde dal
    2006
    Gentile utente,
    come spiegatole anche dalla collega al quesito che lei pone è difficile dare una risposta, anche perchè la nostra professione si basa molto sull'osservazione. Pertanto credo che la cosa migliore sia quella di avere fiducia nel suo dermatologo e rivolgersi a lui per avere delle risposte.
    Distinti saluti.



Discussioni Simili

  1. Asportazione nevi papillomatosi
    in Dermatologia e venereologia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 03/03/2006, 18:56
  2. Puntini rossi
    in Dermatologia e venereologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05/04/2006, 08:42
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 24/04/2006, 00:54
  4. Biopsia - pitiriasi lichenoide
    in Dermatologia e venereologia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12/05/2006, 09:46
  5. Pitiriasi lichenoide
    in Dermatologia e venereologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21/05/2006, 17:54
ultima modifica:  24/10/2014 - 0,13        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896
 
@media only screen and (max-width: 767px) { #banner { display:none;} }