cisti  
 
Utente 444XXX
Salve,
vorrei un consulto in merito a quanto segue:
anno 2015: avverto fastidi alla masticazione localizzati su un premolare di dx, con gengiva infiammata. Mi reco spesso dal dentista il quale oltre a togliere una carie su tale dente lavora più volte sull'altezza, probabile causa dei fastidi.
Giugno 2016: avverto un fastidio all'occhio dx, come la sensazione di un corpo estraneo. Mi reco dall'oculista ma non emerge nulla. Così vado dall' otorino, il quale mi prescrive una tac: emerge una cisti nel seno mascellare di dx di 3 cm ca. Dopo una cura a base di antiobiotico e cortisone nessun miglioramento e dopo diversi mesi -gennaio 2017- decido di toglierla (oltre alla rimozione della cisti il chirurgo lavora anche sui turbinati ipertrofici).
Ho anche eseguito 2 RM al cranio nel frattempo, una alcuni mesi dopo la tac e un'altra un mese dopo l'operazione: la prima per paura che il fastidio all'occhio avesse origine da qualcosa di più serio, la seconda per il controllo di un cavernoma emerso dalla prima, per fortuna di nessuna rilevanza clinica).
Oggi, a più di due mesi dopo l'operazione, il fastidio all'occhio permane. A volte localizzato verso la ghiandola lacrimale, altre sotto la palpebra inferiore. Sembra una puntura di spillo o spesso si presenta come senso di pressione. L'istologico della cisti sostiene che sia una formazione di presunta patogenesi ostruttiva -tra l'altro si presenta vuota di contenuto- così crede anche il mio dentista che ha proceduto con gli appositi test di vitalità, però mi chiedo, dato che il dente continua a dare fastidio e che la gengiva non guarisce, possibile che in realtà questi fastidi all'occhio nascano dal dente? La risonanza a un mese dall'operazione segnalava ancora presenza di muco a partire dal naso - e non dai denti - tuttavia in un mese soltanto (qualora la causa fosse stata dentale) si sarebbe visto qualcosa?

Grazie per il vostro Aiuto

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Buonasera,se la diagnosi è di cisti radicolare,la pertinenza è del dente in causa e mi pare strano che non sia stato sottoposto a terapia endodontica.
Per la gengiva che"non guarisce"dovrebbe spiegarsi meglio,forse è in relazione all'intervento sul seno?
Gli altri quesiti li dovrebbe rigirare al Collega Otorino che l'ha operata ed al Collega Oculista per i sintomi oculari riferiti.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 444XXX

Iscritto dal 2017
Gentile Dottore,
la cisti a detta del dentista non è radicolare, ragion per cui non sono stato sottoposto a terapia endodontica (l'istologico stesso, come le ho scritto precedentemente, recita: cisti di verosimile patogenesi ostruttiva).
Sono stato operato dal naso, la gengiva presenta un'infiammazione intesa come sanguinamento e dolenzia. Anche per questo motivo il mio dubbio è che la cisti sia di origine dentale o che comunque i denti, dato il fastidio, centrino qualcosa. A questo punto le chiedo nuovamente: a un mese e mezzo dall'operazione se la causa della cisti fosse stata di origine dentale dalla risonanza sarebbe emerso qualcosa? Magari un inizio di recidiva?
Grazie per l'aiuto e buona serata
[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio
28% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Per dirimere il dubbio sarebbe piu' utile eseguire una TC Cone Beam della zona in questione.Ne parli col suo dentista.
Saluti