Utente 114XXX
Salve Mio padre ha 69 anni e tre by pass. Ultimamente soffre di tachicardia associata ad insonnia. Il cardiologo ha detto che è semplicemente un pò di stress, ma mio papà è molto preoccupato. Potete suggerire eventuali esami più approfonditi da fare? Aggiungo che oltre alla tachicardia e all'insonnia soffre di aerofagia. In attesa di risposte, Vi ringrazio. Cordiali saluti Cristiana

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Cara utente,
se il cardiologo conosce bene la storia cardiologica di suo padre, si fidi del suo giudizio. Una patologia cardiaca può anche coesistere con sintomi di disfunzione neurovegetativa (il sistema nervoso autonomo controlla anche la frequenza cardiaca) che possono giovarsi di terapia appropriata, perciò consulti con fiducia uno psichiatria farmacologo.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
gentile utente,

non c'e' motivo di dubitare della diagnosi del cardiologo. Ad ogni modo, puo' rivolgersi ad uno psichiatra per la introduzione di una benzodiazepina adatta alla situazione.


Cordiali Saluti
Dr.F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#3] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Quali esami ha eseguito ultimamente?
[#4] dopo  
Dr. Claudio Lorenzetti
24% attività
4% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Quello che Le ha detto il cardiologo è giusto anche se l'insonnia può essere anche un problema secondario alla tachicardia stessa e non relativa allo stress o ad un disturbo d'ansia. La tachicardia notturna può essere secondaria ad un'ernia jatale dello stomaco che, comprimendo il muscolo cardiaco da sotto (le possibilità sono maggiori nella posizione supina a letto) può dare una tachicardia riflessa. Certamente è possibile che si tratti di un disturbo d'ansia a tipo Disturbo di Panico, concomitante alla patologia cardiaca: in questo caso è opportuna una visita specialistica psichiatrica per un corretto inquadramento diagnostico e per una terapia. Le consiglio il Prof. Tundo di Roma dell'Istituto di Psicopatologia.
Cordiali saluti.

Caludio Lorenzetti