Utente 445XXX
Salve, racconto brevemente la mia storia. Il 26 Ottobre, a seguito di una caduta, ho riportato una frattura composta del femore destro.
Sono stato ricoverato ed operato il 28 Ottobre con osteosintesi e chiodo gamma e iniziato punture di eparina 2,5mg.
Due giorni dopo mi mancava il respiro ed a seguito di un angiotac, mi e' stata diagnosticata un embolia polmonare nei vasi secondari (cosi' mi hanno detto i medici). Il medico mi ha fatto iniziare una terapia anticoagulante con arixtra 7,5 mg che ho fatto fino a fine Dicembre, dopodiche' l'ematologa che ha iniziato a seguirmi post ricovero, mi ha cambiato la terapia con lixiana 60mg fino a fine marzo.
Ora, a seguito di nuova angiotac risultata negativa, esami del sangue che sono perfetti, e ecodopler anch'esso nella norma, ho iniziato una terapia con vessel patiglie molli da prendere 2 volte al giorno,che dovrei fare per 6 mesi, sempre prescritta dall'ematologa e DDimero dopo un mese dall'inizio del farmaco.
Adesso mi chiedevo che conseguenze mi ha portato questa embolia? Nel senso, io viaggio molto per lavoro... posso riprendere a farlo,in aereo ovviamente, o devo aspettare ancora la fine di quest'ultima terapia? A volte ho mal di testa, vertigini e dispnea, secondo me potrebbe essere un po di paura/ansia che ho dall'interruzione della terapia anticoagulante ma in realta' quali sono le probabilita' di essere di nuovo colpito da un embolia polmonare? In caso dimentico di prendere una pastiglia, come devo comportarmi? Dal ricovero ad oggi ho messo su un po di peso, almeno 6 kg, dovuto principalmente dal fatto che ho smesso di fumare...... unica cosa positiva di tutta la vicenda.(mi e' stata fatta una trasfusione di sangue anche, perche' durante l'intervento ho avuto un emoraggia.
Grazie in anticipo per il vostro tempo.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
L'embolia polmonare è stata una spiacevole conseguenza dell'intervento chirurgico.

Perda peso e faccia una vita sana.
Non vi è motivo di pensare che possa capitarle ancora.

GI