Utente 445XXX
Buongiorno,
mio fratello soffre di depressione, io a casa sono l'unico che puo badare a lui e mi ritrovo tra le mani un problema che mi preoccupa. In questo periodo ha la febbre e ovviamente prende la tachipirina, tuttavia da quando ha la febbre parla di voler morire e fa pensieri preoccupanti, percio mi è venuta la paura che la tachipirina, assunta in grandi quantita, potesse usarla per farsi del male. Ho cercato subito spiegazioni in farmacia e mi han detto di non preoccuparmi, tuttavia su internet ho letto che un'overdose di PARACETAMOLO ( 10-15 grammi ) è letale!! mi ha spacentato molto ed ho chiesto al mio medico, che mi ha detto che internet dice un mucchio di cavolate. Però la paura in me rimane ancora, quindi vorrei avere un vostro parere a riguardo, perche ho davvero paura che mio fratello possa uscire di casa e comprare qualche farmaco da banco e suicidarsi con un'overdose.
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I Colleghi farmacologi mi perdoneranno della mia intrusione momentanea come medico di urgenza.
Se liei avesse il dubbio FONDATO di un atteggiamento autolesivo di suo fratello deve immediatamente avvertire il 118 il quale , se confermato il sospetto, provvvedera' immediatamente - con l'autorizzazione della forza pubblica - ad un TSO (trattamento sanitario obbligatorio) del paziente.

Questo le dico perche' se da una parte l'avvelenamento da paracetamolo di solito viene risolto si con la gastrolusi e l'acetil cisteine, nulla toglie che suo fratello tenti il suicidio in altri modi (da buttarsi dal terrazzo o sotto un treno alla ingestione di altre sostanze.

Quindi le ripeto se lei avesse SENZA DUBBIO sentore che suo fratello avesse ideazioni autolesionistiche chiami IMMEDIATAMENTE il 118.

arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 445XXX

Iscritto dal 2017
La mia non è una certezza, ma una terribile paura. Tuttavia dalla sua risposta mi sembra di aver capito che in caso di avvelenamento da PARACETAMOLO non ci sia un rischio concreto di morire siccome si puo curare facilmente ( mi corregga se ho inteso male ) e questo mi rassicura un po'. In ogni caso nel caso in cui le mie paure si riveleranno fondate farò come mi ha suggerito lei.
La ringrazio, arrivederci.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Veramente NON ho detto che non ci sia un rischio concreto di morire ne' che si cura facilmante. L'avvelenamento da paracetamolo e' un avvelamento grave e potenzialmente letale..
Di solito se ne viene fuori se la gastrolusi avviene il piu ' precocemente possibile e se la terapia farmacologica viene iniziata velocemmente, ma e' un avvelenamento serio.

Arrivederci

cecchini