Utente 439XXX
Egregi dottori, in seguito a gonalgia persistente è stata effettuata a mia mamma (72 anni, 160 cm, 70 kg, mai avuto alcun problema alle articolazioni) una risonanza magnetica al ginocchio sinistro di cui riporto il referto:

Gonartrosi osteofitosica tricompartimentale con riduzione delle rime articolari femoro-tibiali in quadro di condromalacia di alto grado specie sul versante mediale.
Focolaio di osteonecrosi del piatto tibiale mediale associato ad intensa reazione edemigena intraspongiosa circostante e dei tessuti molli profondi del compartimento femoro-tibiale omolaterale con relativa dislocazione del collaterale mediale che appare continuo.
Iniziale focolaio algodistrofico del condilo femorale mediale in sede postero-esterna.
Fibrillazione della fibrocartilagine mediale con estrusione del corpo e dislocazione di parte del corno anteriore a livello del PAPI.
Modesta quota di versamento intrarticolare ed abbondante nello sfondato quadricipitale.
Fibrillazione della fibrocartilagine meniscale laterale.
Calcificazione dell’entesi del quadricipite.
Nella posizione di esame, tendine rotuleo deteso continuo.
Regolari i crociati ed il collaterale laterale.
Rotula caratterizzata da appuntimenti osteofitosici marginali e polari, questi ultimi a sviluppo posteriore, in modesta iperpressione laterale nella posizione di esame, in quadro di condrolomacia di III° grado, in assenza arrualmente di focolai osteocondrali.
Non significativa distensione della borsa gastrocnemio-semimembranoso.
Segni di artrosi dell’articolazione tibio-peroneale.
Plurimi circoli varicosiformi sottocutanei superficiali e profondi.
A priori e visibile parzialmente per i limiti del capo di vista, fibroma osseo sottocorticale dell’epifisi distale del femore in sede mediana.

Lo specialista al quale si è rivolta le ha prescritto iniezioni di Clody 100 mg (2 alla settimana per un mese, una alla settimana per i successivi 2 mesi) e magnetoterapia.
Dopo 3 mesi però la situazione non è migliorata e, prima di consultare un altro ortopedico, ci piacerebbe avere un vostro parere sia sulla patologia che sulla cura da intraprendere.
Grazie per l'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Nicola Fredella
24% attività
4% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2010
L'unica terapia valida è la terapia chirurgica che consiste nell'artroprotesi totale di ginocchio; in considerazione dell'età e delle RM le terapie non chirurgiche si rivelerebbero totalemente inefficaci .