Utente 313XXX

Buongiorno dottore volevo sottoporre il mio caso sono in cura con combisartan da 80 per pressione alta, in precedenza assumevo mezza di lobivon ma dopo cortesie settimane non urinavo specialmente al mattino, mi sono recato al ps dove dopo ecografia vescicale e renale non sono stati riscontrati problemi indicandomi il nefrologo il quale mi aveva prescritto una serie di esami che il mio medico di base di e' rifiutata di prescrivermi in quanto affermava che io fossi troppo ansioso.
Inizialmente con il combisartan andava tutto bene poi dopo aver avuto un episodio di ipotensione la pasticca è stata ridotta a mezza da 80, ma il problema dell'urina è ritornato infatti mi sono recato dal mio urologo che mi ha prescritto il pradif.
Premetto che dalle analisi e emersa microalbumina a 92, ora secondo lei devo recarmi dal nefrologo oppure prendere il pradif?

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Valerio Bertino
28% attività
4% attualità
12% socialità
SANT'ANTIMO (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Piuttosto che dimezzare il combisartan provi a sospendere il diuretico. Se ha una microalbuminuria deve necessariamente farsi vedere da un nefrologo.
In merito al Pradif, se l'urologo glielo ha prescritto avrà sicuramente le sue giuste ragioni.
[#2] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
Buonasera dottore mi sono recato dal nefrologo il quale mi ha prescritto una visita psichiatrica per una inesistente patologia uronefrologica, inoltre dottore il cardiologo mi consiglio' di sospendere la pillola oppure dimezzare la dose.
Inoltre dottore avendo da poco cambiato medico di base la dott.ssa di ha sconsigliato di prendere il pradif in quanto non ho problemi alla prostata avendo fatto un'ecografia prostatico trans rettale, ed esame urodinamico entrambi con esito negativo, io sinceramente non ci sto capendo più nulla.....

Grazie dottore e scusi per il disturbo

Buonasera
[#3] dopo  
Dr. Valerio Bertino
28% attività
4% attualità
12% socialità
SANT'ANTIMO (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
A questo punto segua i consigli del suo medico curante