Utente 887XXX
Salve,
sto scrivendovi da parte di un amico che ha la figlia di 3 anni allergica all'albume d'uovo.

Tutto è cominciato quando un giorno gli sono comparse macchie sulla pelle e sulla faccia.
Facendo un controllo all'ospedale "Bambin Gesù di Roma" all'eta di 1 anno, gli riscontrarono tale allergia e su alcune proteine del latte. Il risultato fù che sulla scala allergica che va da 0 a 5 lei compariva sul n. 1.

Circa 4 mesi fa facendo ulteriori controlli sul sangue il valore è salito alla scala n. 4 (medio/alta).

Adesso vi chiedo:
1. cosa bisogna fare?
2. a quali conseguenze può andare incontro la bambina?
3. quali sono i prodotti assolutamente da evitare?
4. esistono altri esami da poter approfondire tale problema?

Certo di una vostra risposta,
vi saluto cordialmente augurandovi buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
86337

Cancellato nel 2009
Gentile Utente,
il problema allergia alimentare non è mai semplice da affrontare e prevede, tra l'altro, l'esecuzione di test diversi (dal RAST che, credo, sia l'esame già effettuato, al prick test ed al prick by prick, dalle diete di eliminazione ai test di reintroduzione, alcuni di questi da eseguire in ambito ospedaliero) da effettuare sulla guida dei sintomi e dell'apparente correlazione cronologica con alimenti ingeriti. Detto ciò, va sottolineato che non posso darle una risposta precisa sul cosa fare perchè non capisco se le macchie da lei descritte fanno riferimento ad un'orticaria, ad una dermatite atopica o ad altri problemi. Posso dirle, però, che in genere (e solo per alcuni alimenti) con il passare degli anni, pur permanendo positivi i test, i bambini riescono a tollerare l'assunzione degli alimenti che in precedenza davano problemi di allergia. Il tutto va affrontato in ambito allergologico con il consiglio dello specialista.
Cosa fare in caso di allergia ad un alimento? Basta eliminare l'ingestione di quell'alimento e degli alimenti correlati nonchè di tutto ciò che in maniera dichiarata (sulle etichette) o sospetta possa contenere tracce dell'alimento in questione. Inoltre (sempre in relazione alla diagnosi precisa di quelle macchie) occorre essere pronti (con farmaci specifici) alla comparsa di reazioni in caso di ingestione accidentale dell'alimento.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 887XXX

Iscritto dal 2008
Grazie 1000 per la sua risposta.

Il mio amico si muoverà in merito, magari la contatterà per informazioni e/o consulti diretti.

Grazie ancora e buon lavoro.