Utente 738XXX
Gentilissimi Dottori,


Da due giorni circa ho dei fortissimi disturbi credo riconducibili ad una infezione vaginale, azzardo dicendo che sembra candidosi.
Le piccole labbra sono molto gonfie (tanto da darmi fastidio quando sono seduta o cammino) e sento un forte prurito che sfocia in bruciore. Tutte le parti interne della mucosa sono arrossate, soprattutto all'ingresso della vagina.
Noto anche delle piccole zone dove la pelle sembra "smagliata" come se fosse stata tirata o strappata.
Inoltre le secrezioni sono cambiate e sembrano pezzetti biancastri piuttosto consistenti.

Questi sono tutti sintomi che in maniera lieve ho sempre avuto ma sparivano dopo nemmeno 12 ore. Forse non ho saputo dargli il giusto peso peggiorando le cose.

Ho anche un arrossamento nella parte interna dell'ombelico con secrezioni piuttosto maleodoranti, potrebbe essere collegato?

Il mio problema oltre al grandissimo fastidio è che non potrò tornare a casa prima di 20 giorni.
Nel rifugio in cui mi trovo per lavoro fortunatamente la cassetta del pronto soccorso è abbondantemente fornita dei più comuni farmaci da banco comprese delle lavande vaginali.
Ho subito puntato degli antinfiammatori, dopo aver preso un oki ho individuato il flomax, nel bugiardino ho letto che è indicato anche per cistiti.
Ne ho prese già 2 bustine ieri dopo i due pasti, spero di non aver sbagliato.

Cosa posso fare per alleviare il bruciore e per non aggravare la situazione?

In ogni caso il medico salirà quissù la settimana prossima e non prima (sempre che il tempo sia favorevole).

non so proprio come agire

infinite grazie per la vostra disponibilità

saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
1) non solo e' isolata dal mondo ma ha anche postato la richiesta telematica agli specialisti sbagliati :-), provi a chiedere in area ginecologica

2) infiammazione + secrezioni ecc. = si tratta verosimilmente di una infezione. L'antinfiammatorio fara' effetto sui sintomi ma non fara' niente contro i germi

3) su base probabilistica si puo' ipotizzare una candida e dovra' cercare ovuli o candelette di farmaco antifungino

4) se non ci sono (dica al dott. di portarle su), come extrema ratio, siccome la candida ama il dolce e non ama il salato, faccia delle lavande con acqua resa acidula con aceto.

[#2] dopo  
Utente 738XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio tantissimo, non so veramente come ho fatto a sbagliare, chiedo infinite scuse.

Fortunatamente dopo 3 giorni di assoluta tragedia ora si sta tutto normalizzando, seguirò i suoi consigli. Nel frattempo il medico francese della spedizione non potrà salire fino al recupero quindi dovrò farmi bastare quello che ho. Fare il ricercatore a 4000 metri a volte non è piacevole.
E magari proverò a scrivere azzeccando la specialità medica giusta perchè dialogare con un medico straniero che non hai mai visto prima è molto difficile.

Chiedo ancora scusa e la ringrazio davvero per aver avuto un occhio di riguardo.