Utente 446XXX
Buongiorno. A seguito di una caduta dalla.moto(26 gennaio) mi sono fratturato la clavicola destra. Praticato un bendaggio a 8 il 9 febbraio il mio medico mi ha spedito d'urgenza al pronto soccorso per sospetra tvp al braccio destro. Ecodoppler e tac hanno evidenziato tvp, embolia polmonare massiva bilaterale e infarto al polmone destro. Sono stato ricoverato per una ventina di giorni, messo in TAO, e atrualmente sono alle soglie degli accertamenti trimestrali. Compatibilmente con l'esito della guarigione (completa, parziale, sindrome post flebitica, problematiche al polmone infartuato o guarigione completa senza tracce), sara' possibile a vostro avviso riprendere l'attivita' sportiva? Pratico nuoto, ciclismo e palestra in modo amatoriale. Grazie.
L.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la valutazione andrà fatta in maniera più attendibile a distanza di tempo alla luce di esiti eventuali.
In linea di massima non vi dovrebbero essere problemi per il nuoto e il ciclismo compatibilmente con eventuali esiti respiratori. Avrei qualche perplessità per le attività in palestra.
È fortemente raccomandata anche una valutazione ematologica per la precisa valutazione del Suo sistema emocoagulativo ed escludere eventuali condizioni di trombofilia.
[#2] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2017
Buonasera e grazie per la risposta. Sono stato sottoposto a test per l'accertamento della trombofilia nel corso del mio ricovero. Le analisi hanno fornito esito negativo, tuttavia l'ematologo propone ulteriori accertamenti una volta sospesa la somministrazione di coumadin (sostiene che il coumadin potrebbe aver compromesso alcuni risultati). Poiche' il mio obiettivo e' di riprendere una vita ordinaria, ho il terrore di sviluppare una patologia post flebitica che mi impedisca le attivita' abituali (sportive per esempio). Un elemento che mi preoccupa e' una vena gonfia nella giuntura tra braccio e avambraccio (dove solitamente si eseguono i prelievi del sangue) proprio nell'area interessata dal trombo. Puo' ritenersi un'evidenza di una cattiva ricanalizzazione, a suo avviso? Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Potrebbe essere ancora prematuro fare previsioni.
[#4] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2017
Grazie mille. Le pongo un'ultima domanda dott.Piscitelli. A suo avviso no sarebbe bene affidarmi, oltre che all'ematologo, anche a un chirurgo vascolare? Grazie anticipatamente per la risposta.
[#5] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Per la verità pensavo già fosse sotto controllo del Chirurgo Vascolare.
[#6] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2017
No, sono stato visitato sempre e solo dall'ematologo...
[#7] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
In realtà le competenze del Chirurgo Vascolare spaziano anche al di là dell'ambito strettamente chirurgico.
Sulla base di valutazioni cliniche ed ecografiche, validamente affiancato dall'Ematologo, sarà lo specialista più idoneo a formulare anche valutazioni prognostiche.