Utente 307XXX
Salve,
premetto che chiedo questo consulto perchè dopo mesi di visite e dottori più disparari brancolo ancora in diagnosi blande e abbozzate.. spero di poterne trarre beneficio.
Vorrei mostrarvi le foto della mia bocca internamente perchè si vede con chiarezza una patina bianca molto molto evidente, ma a quanto pare non si può.
Parto dall'inizio, circa 3 anni e mezzo fa il mio dentista durante una cura di routine mi ha detto che avevo la candidosi e lo stesso ha detto a mio fratello, ho fatto un po' di cura con il mycostatin e il dentista mi ha detto di continuarla ancora un po' perchè non era passata del tutto, io ho lasciato perdere.. da gennaio dopo il trasferimento a Torino ho avuto mesi di 'malattia', febbre recidiva, nausee, maldipancia, beccavo continuamente virus, andando in guardia medica sono stato immediatamente indirizzato per fare visite al pronto soccorso, dove ho eseguito un'analisi del sangue e un controllo dall'otorino..
Le analisi del sangue erano perfettamente normali, l'otorino mi ha detto invece che avevo la candidosi orale e che c'era fino alla base della lingua ma non più in li.
Insospettiti da questa cosa si domandavano come facessi io ad avere la candidosi poichè, a detta loro, non era normale e non era possibile se non avendo una malattia sessualmente trasmissibile. Mi ha prescritto 10 giorni di Diflucan + mycostatin fino a guarigione.
Sono stato dunque indirizzato al centro MST dove ho fatto le analisi che sono risultate tutte negative, non avevo nulla, anche loro mi hanno detto di continuare con il mycostatin..
20 giorni dopo, avendo preso dyflucan e mycostatin regolarmente mi guardo e mi rendo conto di essere ancora strapieno di quella robaccia..
Decido allora di prendere in mano la situazione e faccio mille ricerche sul web, dove vedo un sacco di gente combattere senza risultati..
capisco dunque che la terapia era perfettamente inutile senza una solida dieta priva di zuccheri e lieviti.
Raccolgo le forze, e non solo, e inizio questa dieta folle restrittiva + mycostatin ottenendo ottimi risultati per motivi tutt'ora ignoti.
Passano 2 mesi e mi rendo conto che non mi passa mai del tutto, se mangiavo qualcosa di più mi ricompariva quasi subito..
Stanco della situazione e ormai paranoico vado di nuovo a guardia medica e successivamente pronto soccorso, mi vede nuovamente lo stesso otorino dicendo che era diminuita.. ma era strano che nn mi fosse passata completamente, dunque mi consiglia la visita al centro malattie infettive amedeo.. Mi reco li e il dottore mi guarda mezzo istante senza guanti e strafottente e secondo lui non avevo nulla, eviti gli zuccheri e via..
stanco della situazione mi reco nuovamente al centro mst dove mi indirizzano alla Dental School, li ricevo una visita approfondita dove mi dicono che la mia NON è candida.. è tutto molto molle e che se ne viene via mi viene detto, e che ce l'ho ovunqe nella bocca, mi dicono che è una cosa fisiologica genetica mia.. mi fanno il set fotografico e stop.
[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Se in un centro dove si occupano quotidianamente di patologia orale le han detto che non si tratta di Candidosi ( ma qualcuno le ha mai fatto un tampone linguale?) direi che può stare tranquillo.
Che diagnosi le e' stata fatta?
Qui può trovare oltre alle patologie, alcune delle più frequenti condizioni definite come normali varianti anatomiche presenti nel cavo orale:
http://www.ildentistamoderno.com/la-patologia-delle-mucose-orali-nella-pratica-clinica/

Alle manifestazioni patologiche e non che trova nel'articolo aggiungerei la lingua saburrale o impaniata la cui definizione può trovare nel glossario del nostro sito.

Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
[#3] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
Quì di seguito riporto l'ultimo referto rilasciatomi dalla Dental School:

Visita odontostomatologica

Referto / Descrizione clinica
paziente giunto in visita per valutazione stomatologica su indicazione della dermatologia.
Paziente di 20 anni.
Non fumatore.
Anamnesi farmacologica negativa.
Peso: 65 kg. Altezza: 183.
Altrimenti sano.
[#4] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
Da circa 3 anni presenza di lesioni bianche diffuse in tutto il cavo orale, a momenti trasportabili, asintomatiche. Riferisce pregressi trattamenti con antimicotici e dieta priva di zuccheri e lieviti. A tratti le lesioni bianche tendono a scomparire.
Già visitato da colleghi ORL e colleghi dermatologi.
Sierologia HIV, sifilide negativa.
A febbraio ammissione in PS per febbre 40° e diarrea (09/02/2017). Linfoadenopatia accentuata. Controllo ematochimico nella norma. Poi dimesso.
RX torace negativo per patologia.
Visita ORL (09/02/2017: si richiede valutazione per sospetta malattia sessualmente trasmissibile).

EO Cavo Orale: presenza di ipercheratosi diffuse (a tratti asportabili) su mucose geniene bilaterali, fornici superiori e inferiori, bordi lingua bilaterali e pavimento pelvi linguale. Lesioni tipiche come morsicatio buccarum ma alcune in zone non traumatizzabili.
Si visitano anche mamma e papà per escludere forme autosomiche dominanti (tipo nevo bianco spongioso): i due non hanno lesioni tipiche oggettivabili.
Nega lesioni caratteristiche cutanee.
DIAGNOSI CLINICA: ipercheratosi di ndd. Escludere quadro di candidosi orale. Nevo bianco spongioso? Discheratosi congenita?

Si consiglia:
1) sospendere l'utilizzo di antimicotici.
2) iniziare nuovamente una dieta non + priva di zuccheri o lieviti.
3) idratarsi correttamente
4) eliminare eventuali traumatismo (morsicatio da escludere).
5) utilizzare garzine umide per la pulizia delle mucose orali.
Si rincontrolla tra 4 settimane in ambulatorio (Anche con il fratello di 23 anni che riferisce lesioni orali simili).
[#5] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Manca un quadro istologico certo in quanto non le han fatto biopsie dele zone bianche non asportabili tra le quali selezionare quelle più rappresentative con l'ausilio magari di coloranti vitali. Io probabilmente mi sarei orientato in questa direzione, d'altronde se non e'stato fatto da chi la segue ci saran stati dei buoni motivi.
Il dato di fatto e' che al momento manca una diagnosi.
Ogni macchia bianca ipercheratosica non asportabile in assenza di elementi eziopatogenetici certi (ad esempio il traumatismo) o di una diagnosi istologica di univoca interpretazione deve essere attenzionata.
On line e' impossibile aggiungere altro.
[#6] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per il suo tempo e il suo aiuto, effettivamente anche io ho combattuto per mesi per ricevere un tampone.. quello al centro MST è fallito per problemi tecnici.. e alla Dental school non hanno ritenuto sensato fare un tampone visto che quello secondo loro non era un fungo..

Mi reco il prima possibile da loro, per ora ho avuto parecchio da fare.. ma guardandomi e mangiando di nuovo nella normalità vedo che la situazione in bocca si è fatta troppo brutta, mi son comparse addirittura alcune parti bianche poco sul palato superiore, dove prima non c'erano.. le pareti sono in una situazione catastrofica e il fondo lingua altrettanto.. mi sono comparse inoltre delle piccole lesioni rosse sparse oltre al bianco che ormai è praticamente ovunque, come delle lacrime.
Sono un po' preoccupato..
La terrò aggiornato per eventuali diagnosi, la ringrazio nuovamente.