ansia  
 
Utente 429XXX
Buongiorno dottori circa 6 giorni fa mi sono estratto un molare superiore. Il dolore post estrazione il primo giorno è sempre stato molto forte sopratutto la sera. Poi nei due tre giorni successivi lho controllato un po' con aulin. Ad oggi il dolore non è insopportabile assolutamente, però il fastidio che avverto e soprattutto quando vado in motorino o cammino svelto. Un fastidio tipo rimbombo su Tutto l'arcata e mi fa anche un po male il collo. avvertito una certa rigidità nucale. Il dottore di cui mi fido molto, dice che è normalr dopo un estrazione per i successivi 10 a volte anche 15gg avere dei dolori fastidi dovuti al trauma della zona cruentata. In effetti è stato anche raschiato un po' di osso. La mia paura più grande e che si sia lesionata la mucosa sinusale. Lui mi ha detto che seppur vicini alla mucosa in quanto è stato rimosso uno sbuffo di cemento della vecchia devitalizzazzione mal fatta, e difficile una lesione e pure se ci fosse sarebbe al max di 2mm tale da non giustificare una riapertura. Perché l' innesto e il concentrato piastrinico che mi ha immesso nell'alveolo sarebbero sufficienti a gestire la remota evenienza.

Ora voi che ne pensate?
E normale anfora avere fastidi / dolorini dopo 6 giorni
Quando picchetto con il dito. Sulla dente a fianco di quello estratto mi fa male. Un dolore che si irradia verso l'alto, verso l'osso. E normale?
Pensate che la mucosa possa essere lesionata?
Infine una domanda che non sono riuscito a sviscerare. Ma quando si rompe il coagulo esce sangue. Cioè si nota ad occhio nudo? Io me ne accorgerei. Perché sono solito passare un Cotton fioc imbevuto di clorexidina sul sito della ferita Ma ieri sera e uscito un po' di sangue. Ma giusto un velo. Mi devo preoccupare?
Vi chiederete perché queste domande non le. Faccio al mio. Curante. Semplicemente perché mi sento in soggezione, perché lavora sempre ed è quasi come se si infastidisse delle richieste che possono anzi sono sicuramente cariche di eccessiva ansia.
Grazie mille e scusate la prolissita

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Una eventuale comunicazione oro sinusale si palesa innanzitutto con la sensazione di passaggio di aria e liquidi dalla bocca al naso e viceversa. Non mi sembra il suo caso. Se l'intervento e' stato indaginoso può esser normale avvertire dei fastidi post-operatori a una settimana. Segua le indicazioni che le son state date e si faccia rivedere per un normale controllo.
Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Gentile utente, si fida moltissimo, ma non si può osare far domande, come i veri professori e gira le domande a noi che non conosciamo il caso clinico! Speriamo che non lo venga mai a sapere. Nella sua domanda non è mai menzionata la parola RX e nemmeno la diagnosi della patologia che le ha fatto perdere il dente , poi di denti in bocca ne abbiamo 32, ma il nome di questo dente manca. Stia tranquillo hanno utilizzato anche il suo plasma ricco piastrine per cui è in buone mani. Mi raccomando quando le fanno firmare il modulo di consenso informato, prima di firmare chieda: Siamo sicuri che poi il prof. mi tiene informato!
[#3] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Dott. ruffoni io capisco il suo punto di vista. Io ho grande fiducia del medico che mi ha operato. Ho fatto un viaggio per operarmi da lui perchè mi era stato consigliato da molti.

Però ci sono persone e dottori che per loro fortuna sono talmente bravi, talmente presi dal lavoro, come questo dentista, che sono per forza di cose sono sfuggenti oppure poco netti, quasi evasivi, nelle risposte che forse per loro sono seccature di pazienti ipocondriaci.

E ti fanno sentire in imbarazzo o in difficoltà nel chiedere cose per loro magari sono scontate o sono baggianate.
A volte credo che il paziente dovrebbe avere la possibilità di essere rassicurato.

Se sapesse che ho chiesto su un forum mi dice? non penso che ho fatto una scortesia.

Perchè lo ritengo un mostro di bravura, e lo rispetto però non tutti i dottori riescono a trasmettere la sicurezza che a volte noi pazienti chiediamo.

Ovviamente spesso si sconfina nell'ipocondria e capisco che per un dottore sia fastidioso sentire spesso diverse scemenze ma a volte come nel mio caso credo, volerne capire di più credo sia anche un dovere del paziente.

L'importante è che poi non si vada dal medico e si dica, ho letto su internet etc. che sono le cose che immagino vi facciano più arrabbiare. sopratutto quando sono usate a sproposito senza un minimo di cognizione di caussa


In ogni caso tornando a me, faccio qualche precisazione dente 26. Da due anni hanno tentato di devitalizzarmelo in molti ma sempre senza successo. il dente aveva 4 canali. Dolori e fastidi continui per due anni quindi decisa l'estrazione. Poi fastidi che vi ho detto su che oggi permangono sopratutto quando vado in motorino o cammino a passo svelto. Tipo dolore collegato nuca denti. Io penso che secondo me in determinati soggetti come me ci vogliano 10/15gg per ripristinare lesioni e infiammazioni dovute ad indagini profonde come la mia. Ci sono soggetti che si riprendono prima altri no. Almeno credo

In ogni caso il mio problema era legato alla conoscenza di qualche elemento in più che mi potesse tranquillizzare.
Vi ringrazio in ogni caso
[#4] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Bene, ho visto che lei ha saputo interpretare la mia ironia, ma qualunque fesseria possa chiedere un paziente io lo devo rispettare, come del resto lui rispetta me. Siete ipocondriaci? se non vi lascio una buona parola, lavorerò male; il paziente con me deve trovarsi a suo agio, deve essere tranquillo e aver ben capito le cure che gli devo praticare, se mancano queste basi è veramente difficile curare un paziente cosciente.
Stia tranquilla il tempo sistemerà tutti i suoi fastidi, non abbia fretta. Le auguro una pronta e felice guarigione.
[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Buonasera,
Mi consenta,ma ha fatto un viaggio per un estrazione del 26 ,che qualunque dentista è capace di eseguire?
Sarei curioso di conoscere il collega "mostro di bravura" per cui vale la pena di fare chilometri.......

Non voglio entrare nel merito del discorso fiduciario col proprio medico,ma solo tranquillizzarla , perché i fastidi lamentati, che rientrano tra i disagi del post-estrattivo ,scompaiono nel giro di un paio di settimane( come ha già scritto credo l'esimio Collega Ruffoni col quale ha colloquiato...)
Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Grazie per le risposte dottori Dott de socio ha ragione per il fatto che un 26 può estratrlo chiunque solo che dato che avevo passato parecchie brutte esperienze con le devitalizzazioni da vari specialisti ho preferito andare sul sicuro anche per il sicuro curettaggio dell'osso e l'utilizzo di prf che sicuro nella mia città non avrebbero mai usato. Ho provato a chiederlo ai vari dentisti della mia città e mi hanno risposto giustamente decidiamo noi. Torniamo sempre al discorso. Se un medico è convinto di fare un estrazione alla sua maniera certo il paziente non può fargli cambiare idea. Vabbè sono tante dinamiche che è superfluo spiegare. Pure chi mi conosce ha detto che esagero nel fare qualche km in più per un estrazione però è non andare comodamente sotto casa. Dato che nessuno mi è mai riuscito a fare una devitalizzazione per bene per scrupolo di coscienza lho voluto fare.

Ora, volevo avere da voi un chiarimento sull ' alveolite. Volevo capirci di più. Ho letto che lalveolite viene di solito per estrazione mal fatta. Voi concordate?
Quanto è forte il dolore Dell'alveolite? Da dolore anche alla palpazione sulla ferita? Se il dolore è blando e sopportabile a 7 giorni come il mio penso sia impossibile parlare di alveolite?

Quello che mi interessa capire è quale sia la linea di demarcazione tra semplice infiammazione ossea dovuta alla cruentazione sul sito e alveolite. Quale sono i parametri che me la fanno escludere. Anche se sono convinto che i dolori che ho sono normali fastidi post estrazione la. Questione alveolite un po' mi da pensiero.
Inoltre leggo che è dovuta ad un distacco del coagulo. Ma questo distacco lo vedrei ad occhio nudo? Cioè vedrei sangue scendere dalle suture della ferita?
Scusate sempre l'insistenza ma da quello che leggo online non si capisce chiaramente. Grazie
[#7] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Km e spese in più per far un bel funerale al suo dente! L'alveolite non è una brutta malattia e non è un errore odontoiatrico, per cui dorma tranquilla fino alla rimozione delle suture, poi lei ha voluto il PRF che molti non praticano per questioni legali, perché la manipolazione del sangue è soggetta a determinate norme, la prearazione di centrifugati ematici non è una procedura complessa. Oggi siamo nel mondo che il paziente dice al medico come curarlo, perché lo dice il Dottor Internet e poi il paziente rimane sempre con grandi dubbi, perché in Internet manca la parola: FIDUCIA.
[#8] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
:) diciamo che ho voluto scegliere un degno funerale per il dente. In ogni i caso Ha centrato il punto. Una generazione di insicuri di cui purtroppo a volte ne faccio parte anche io. Anche se dr. Internet porta spesso fuori strada. Perciò chiedo poi a voi esperti.

A riguardo del coagulo cosa può dirmi? Vicino alla ferita c'è in ogni caso un po' di materiale grigino. Tutto nella norma vero?
[#9] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Il coagulo è stabile visto che non c'è sanguinamento spontaneo, il grigino potrebbe essere fibrina. Dovrebbe cercare di dimenticare il degno funerale e vivere tranquillamente, visto che qualunque complicanza potrà avere verrà curata.
[#10] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Va bene grazie a tutti. Siete stati tutti gentilissimi.
[#11] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Buonasera dottori. Riapro una piccola parentesi. La maggior parte dei fastidi si è attenuata. L'unica cosa che permane è un fastidio al dentro precedente quello estratto. Il 25 ed in maniera minore anche il 24. Entrambi sono devitalizzati e prima dell'estrazione non mi davano problemi. Ora invece si. Mi fanno fastidio quando mastico. Se ci picchietto sopra con un dito il dolore si irrafia verso l'intero denntr. Spero che sia ancora il trauma post estrazione. Qualche residuo di infiammazione all'osso o ai tessuti? E possibile che mi diano fastidi i due denti in prossimità di quello estratto. Il 25 ovviamente mi fa più noie del 24. E come un dolore del sito dell'estrazione che si è propaganto agli altri denti. Possibile?
[#12] dopo  
Dr. Diego Ruffoni
28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Vediamo di non fare il funerale anche al 24,25 altrimenti avrà presto una bella dentiera... Stia tranquilla sono assestamenti, dia tempo al tempo, se tra un mese ci sono ancora fastidi ci penseremo, senza fagli il funerale.
[#13] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"ho preferito andare sul sicuro anche per il sicuro curettaggio dell'osso e l'utilizzo di prf che sicuro nella mia città non avrebbero mai usato. "

Ho iniziato a fare il prf agli inizi degli anni '90, quando non era ancora "di moda", e lo chiamavamo "colla di fibrina", e l'ho usato sempre meno fino ad abbandonarla del tutto sette o otto anni fa.

Può avere un senso in implantologia collegata a grandi interventi di rigenerazione ossea, del tutto irrilevante o addirittura controproducente inserirlo nell'alveolo post-estrattivo.
Il materiale migliore per chiudere un alveolo che resta anche solo parzialmente esposto nella cavità orale è infatti il sangue, globuli rossi compresi, che vengono a mancare nel concentrato.
In assenza di sangue la cascata biologica della coagulazione e i meccanismi infiammatori e di guarigione della ferita cambiano, e non sempre in senso positivo.

Personalmente per, come dice lei, andare sul sicuro, non altererei il perfetto meccanismo biologico della guarigione della ferita inserendo come riempitivo una sostanza deprivata di una delle componenti, senza che una patologia o una complicanza in atto mi spinga a farlo.

Ma l'operatore sanitario E' TENUTO a spiegarle tutto, è pagato (profumatamente) anche e sopratutto per questo.

Un "mostro" di bravura è facile comunque esserlo con semplici e banali estrazioni, basta "vendere" un pò di inutile fumo con paroloni incomprensibili e anche l'intervento più banale al mondo si trasforma in una difficilissima cosa che solo il dott. prof. Guido Tersilli (primario della clinica Villa Celeste) può risolvere.



Spero di essere riuscito a farle passare il messaggio facendola anche sorridere un pò.
[#14] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Ah ah. :)
Si a volte l'eccesso di fissazioni é controproducente. Spero che l'aver fatto km per tecniche che magari facevano anche sotto casa non mi porti problemi. Se ci fossero stati problemi con la guarigione però penso che li avrei già avvertito. Ormai sono a 15gg circa. E spero che non peggiori nulla.
Volevo chiedervi, i punti riassorbibili li potrei levare, o è meglio farli assorbire?
Palestra la posso iniziare a fare? O devo ancora aspettare?
Grazie