Utente 344XXX
Salve,
ogni 3 mesi effetto la classica routine degli esami del sangue per verificare il mio stato di salute.
Due anni fa sono stato sottoposto a cicli di chemioterapia a seguito di una Leucemia Acuta Promielocitica in completa remissione da un anno e mezzo.
Dopo aver completato i cicli di chemioterapia, la mia S-Creatinina era a 0,96 (a seguito di una riduzione di massa muscolare).
Successivamente ho iniziato una terapia di mantenimento con l'utilizzo Methotrexate da 15mg(una volta a settimana) e Marcaptupurina da 50 mg(a giorni alterni).
Appena iniziata la terapia di mantenimento la creatinina è salita a 1.15-1,20.
Ho sempre avuto, anche prima di ammalarmi, la creatinina al limite (1,15-1,20) anche perchè ho una massa muscolare molto sviluppata e ho sempre praticato sport.
Da gennaio 2017, dopo aver iniziato attività fisica in palestra, la creatinina si è spinta a 1,28 ma la S-urea è sempre stabile a 25-30 (tutti gli altri valori sono nella norma).
Nonostante non faccia una dietà iperproteica, mi è stato detto di ridurre l'uso di cibi proteici di origine animale, in modo da ridurre la creatinina e sopratutto di smettere totalmente l'attiva fisica fino al termine della terapia di mantenimento.
E' necessaria la sospensione totale della attività fisica? Ci sono altri esami specifici per verificare la funzionalità renale (sempre se necessari) ?

La ringrazio in anticipo
Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
16% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Una attività fisica aerobica e armonica non crea alcun danno all'organismo...