Utente 416XXX
Salve, il 21 aprile in una clinica privata mi è stato asportato un neo sul polpaccio dx.Ora mi sorge un dubbio. Questo dermatologo non mi ha visitata col dermatoscopio ma solo ad occhio nudo.
Se l'avesse fatto mi sarei risparmiata un'operazione ambulatoriale e una cicatrice ( visto che sono pure portata a svilupparne di ipertrofiche) ?
Mi sono rivolta ad una clinica oltrettutto privata, 260 euro! Il neo rispetto a tempo fa, l'ho sentito piu in rilievo ma era piccolo 2 mm, e regolare. Era nero questo sì e un po in rilievo. Io cmq l'avevo schiacciato pensandolo un pelo incarnito.

Questo l'esito dell'istologico:

Losanga cutanea con discreta fibrosi del derma che mostra modesto infiltrato linfocitario talora perivascolare. Nel tratto centrale si osservano fenomeni ulcero-necrotici con dissociazione emorragica e flogosi granulocitaria intracornea. No atipie.
Diagnosi: Dermatite cronica superficiale con esiti di traumatismo.


Grazie mille.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, molto semplicemente: la lettura di questo esame istologico non depone per una lesione melanocitaria - cioè un neo - ma per altra lesione infiammatoria!
Ne parli con il suo dermatologo di fiducia.
Cari saluti
Dott.Laino
[#2] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Salve, a parte il referto, io vorrei capire se è corretto asportare un neo senza usare prima il dermatoscopio, visto che hanno inventato questo mezzo e il neo è risultato benigno . Grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Personalmente non lo faccio mai e a mio parere prima di arrivare ad un'asportazione chirurgica ritengo di buon senso effettuare la dermoscopia
Per il resto non mi risulta l'obbligo di fare questa metodica, rimanendo un problema di scienza e coscienza del medico.

Dr Laino
[#4] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Salve Dott.Laino, sono profondamente amareggiata dall'esperienza vissuta in questa clinica privata, cercavo un servizio più accurato e invece è stato sbrigativo e poco attento alle conseguenze. Ora mi ritrovo con una cicatrice. Sto cercando di trovare un modo per segnalare questo disservizio a pagamento. Molto rammaricata che esista questo trattamento oltrettutto nel privato aprofittandosi della debolezza dei pazienti. Secondo lei dopo quanto potrei fare un piccolo tatuaggio per distogliere l'attenzione da questa cicatrice rossa violacea? Non riesco accettare che accadano questi episodi nel 2017.
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Come immagina ..Non consiglio mai i tatuaggi!
Se seguirá una terapia antinfiammatoria e restituiva la sua cicatrice migliorerà sicuramente. Si affidi ad un dermatologo di sua fiducia però

Saluti ancora!
[#6] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Sì immagino che Lei non li consiglia ma mi creda che la rabbia è tanta e vorrei in qualche modo rimediare. Poi le volevo chiedere una cosa: è normale che col calore del sole mi si vedano le vene delle gambe e quando fa più fresco no? Grazie