ernia  
 
Utente 449XXX
Buongiorno.
Giovedì notte, prima di coricarmi ho iniziato ad avvertire (o meglio a prendere atto) che avevo un leggerissimo fastidio al testicolo destro.
Non un dolore forte ma come se se lo avessi "messo male".
Ho dormito benissimo e al mattino ho cercato un paio di slip alternativi che mi sembrassero più aderenti, in modo che i testicoli non potessero fuoriuscire di lato, neanche parzialmente (questa era la sensazione che mi sembrava di avere avuto).
Durante il giorno dopo non c'ho più pensato, non ricordo fastidio.
La sera del venerdì (giorno dopo) dopo cena mentre guardavo la TV , ho iniziato a provare lo stesso fastidio. Mi sono guardato ed esaminato i testicoli ad uno ad uno e non ho visto niente di anomalo, neanche a seguito di palpazione e "movimentazione" degli stessi.
La notte, non so se dovuto anche al fatto di essere molto ansioso e forse un po' ipocondriaco, ho ripercepito quello stesso fastidio e mi sono svegliato.
Ho frugato su internet. L'indomani mattina (sabato) verso le 20,30 alcuni cari mi hanno consigliato, per allontanare ogni preoccupazione di chiamare la guardia medica.
Non l'ho fatto per tutta la mattina, che ho trascorso normalmente, tra commissioni e colazione al bar, senza avvertire particolarmente quel fastidio.
All'ora di pranzo giusto per scrupolo, non preoccupato, ho telefonato alla guardia medica che mi ha consigliato, per sicurezza, di andare al pronto soccorso settore urologia. Dopo tutte le trafile del caso, l'urologo mi ha visitato, scocciato e nervoso (perché dice che non era un caso urgente) e dopo palpazione testicolare e richiesta di tossire mi ha detto che per lui non avevo niente.
Continuando a frugare su internet (so che non dovrei ma la mia ansia me lo imponeva) ho letto che il fastidio può essere "riflesso" sul testicolo ma essere causato da eventuale ernia addominale.
Pur non avendo visto mai nulla nelle mie "auto analisi" decisi, per curiosità di guardare anche sotto lo scroto. Sorreggendo così il mio organo genitale ho visto una leggera ma oggettiva protuberanza (2mm max) semisferica (ovale) di circa 4 cm di diametro sulla coscia vicino all'attacco all'addome (più vicino alla natica che alla pancia, come altezza). Ribadisco di non avere dolore, ne' sensazione di peso o bruciore, e persino il fastidio leggero al testicolo (che avvertivo prevalentemente "a riposo") sembra essere cessato.
Vi chiedo: 1) faccio bene a dubitare dell'urologo che mi ha visitato nervosamente?
2) Dovrei andare in visita da un chirurgo generale, per sicurezza?
3) Visto che non ho fastidi consistenti, potrei lasciar perdere, magari tenendomi sotto controllo la parte, per evitare di passare da una mia "ipocondria" ad un'altra (e spendere soldi da un privato visto che la "mia" medico di famiglia, che non mi visita mai, mi farebbe solo un'impegnativa per uno specialista che vedrei tra un anno)?
Preciso che ho definito la protuberanza "oggettiva" perché mostrata anche alla mia fidanzata e perché presente solo sulla coscia destra.
[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
20% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non appare possibile, ovviamente, senza una visita diretta essere precisi,ma penso dalla descrizione che non si tratti di un'ernia crurale.
[#2] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Gentile Dottore,
La ringrazio moltissimo per la sua risposta rasserenante. Devo dedurne che quella specie di rigonfiamento possa essere una normale ed individuale conformità dei miei tessuti?
Ed il leggero dolore al testicolo come fisiologico?
Immagino che, tra le altre cose, avrà trovato contraddittorio che i fastidi (che tuttora mi pare leggermente di avere) mi vengano soprattutto disteso a letto anziché in posizione verticale, come dovrebbe accadere in casi di ernia ....
[#3] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Pensavo di fare cosa utile per eventuali lettori aggiornare la mia situazione.
Permanendo il leggero fastidio e la preoccupazione di cosa potesse essere quel piccolo gonfiore nella coscia destra, ho deciso di effettuare una visita presso un chirurgo generale privato di cui mi hanno parlato molto bene.
Effettivamente mi ha fatto una visita abbastanza approfondita, a mio modesto parere, comprensiva anche di ecografia testicolare.
I risultati emersi sono i seguenti.
Il gonfiore è un lipoma di dimensioni tali da non suggerire al momento l'asportazione.
Non è presente alcun idrocele, neanche lieve, come da lui inizialmente sospettato.
Ernie.
Qui non so se sono in grado di spiegarmi bene.
Ha rilevato un cedimento del tessuto dell'addome che potrebbe essere causa dei fastidi che avverto e che potrebbe far scaturire nei prossimi anni un'ernia. Me l'ha fatta osservare premendo sul lato destro del pube (quasi a "rovesciare") ed è uscita fuori un escrescenza a forma di testicolo.
Non altrettanto, per confronto, sul lato destro.
Se ho capito bene non si tratta di una vera e propria ernia (perché non c'è fuoriuscita di intestino). Mi ha detto di tenerla sotto osservazione e di farmi visitare di nuovo qualora la deformazione diventasse visibile naturalmente, all'esterno. Per il momento dovrò tenermi il leggero fastidio.
Sono graditi eventuali altri pareri medici specialisti.
Grazie a tutti.
[#4] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Rettifica: ho scritto:
"Non altrettanto, per confronto, sul lato destro"
Ovviamente volevo dire:
"Non altrettanto, per confronto, sul lato sinistro",
Dato che questo cedimento è sul lato destro , in corrispondenza e sotto il testicolo dolente (appunto quello destro). E dell'escrescenza sospettata da me, il lipoma, sempre sul lato destro.