Utente 449XXX
Buongiorno,
scrivo per avere delle delucidazioni circa la mia condizione. Sono un ragazzo di 21 anni.
Circa una settimana e mezza fa, dopo aver mangiato delle fragole, ho avuto un episodio di allergia e di orticaria - così come diagnosticatomi in pronto soccorso -, trattata con cortisone e antistaminico per 5 gg.
Nel frattempo, ho avuto disagi a livello gastrico (reflusso gastroesofageo accentuato, disfagia, odinofagia, dolore nella zona alta della schiena tra le scapole e sensazione di corpo estraneo in gola). Ne ho parlato con il mio medico curante che mi ha consigliato di approfondire il quadro mediante l'esecuzione di una EGDS, che effettuerò a fine mese.
Ho ultimato il periodo di cura, ma persistono alcuni sintomi che si sono presentati in particolare modo nell'ultimo periodo come dolore muscolare localizzato in certe zone del corpo (dapprima a livello della coscia poi appena sopra i glutei) ma soprattutto tosse con presenza di catarro, costipazione a livello toracico e asma (presumo sia asma in quanto percepisco un certo livello di costipazione e sento un sibilo durante la respirazione). Sottolineo che il mese prossimo effettuerò una valutazione allergologica. La mia domanda in tal senso è: può uno sporadico episodio di allergia (non sono mai stato allergico a nulla, ma so che le allergie possono scatenarsi in qualunque momento) scatenare tutti questi sintomi, con particolare riferimento agli episodi asmatici e ai disagi gastrici? Anche una volta ultimata la terapia? Nonostante la cura, noto di essere ancora molto sensibile a livello dermatologico (basta una lieve digitopressione cutanea che subito mi arrosso, oltre alla persistenza, talvolta, di alcune chiazze di colore rosso in alcune parti del corpo non pruriginose).
Vi ringrazio della cortese risposta.
Un saluto.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
l'"allergia" dopo aver mangiato le fragole è un evento molto frequente.
Quello che mi pare strano è che lei riferisca di manifestare tutti questi sintomi dopo l'episodio che l'ha portata in P.S.
Compresa la non meglio specificata "costipazione di petto" e le verosimili crisi asmatiche con sibilo, che le ricordo essere prevalentemente espiratorio nell'asma vero.
Inoltre riferisce una orticaria fisica che, a leggere il suo racconto prima non aveva.
Chiaramente il suo curante si è girato vesro il computer dalla cui stampante sono uscite l'impegnativa per la EGDS e quella per la visita allergologica.
Non un esame ematochimico è stato prescritto.
Neppure un banale emocromo.
Almeno questo è quello che si capisce dalla sua richiesta di consulto.
Fare il medico così è molto comodo, ma quanto è triste....
Peggio di un impiegato.
Ad ogni modo lei che è intelligente capisce bene che io non posso esprimere pareri clinici senza valutarla direttamente: periò faccia la EGSD, vada a visita dall'allergologo e poi se vorrà mi faccia sapere.
Ne sarò felice.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Grazie mille dott. Caldarola per la cortese risposta. Quando mi sono recato in P.S. su consiglio del mio medico curante mi sono state misurate frequenza cardiaca e pressione, ma nessun esame del sangue mi è stato fatto e le assicuro che anche il mio curante si è meravigliato del mancato esame. Forse non mi sono stati prescritti in seguito emocromo o esame ematochimico visto che nemmeno in P.S. hanno valutato la necessità di sottopormi a tale indagine.
Ad ogni modo, a fine mese mi sottoporrò alla EGDS e prenoterò una valutazione allergologica.
Però confermo le sue perplessità: tutta la sintomatologia descritta sopra (ad eccezione di reflusso gastroesofageo) è comparsa in seguito all'ingestione di fragole e alla comparsa di lesioni orticaroidi.
[#3] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno dottori. In questi due giorni la sintomatologia dell'orticaria (chiazze rosse sulla pelle pruriginose accompagnate da lieve dermografismo) si è ripresentata.
A tal proposito volevo chiederle due cose:
1- nonostante abbia ultimato la terapia farmacologica, posso assumere nuovamente nei momenti più critici l'antistaminico che mi era stato prescritto?

2- le ricordo che a fine mese effettuerò una EGDS. L'orticaria e la presumibile allergia alle fragole possono interferire con la somministrazione della sedazione profonda richiesta per l'esame endoscopico?

Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
l'antistaminico lo può usare tutte le volte che le pare. Del resto è semplicemente un sintomatico.
Per quanto attiene alla Gastroscopia, oggi con la tecnica transnasale la si può eseguire anche senza la sedazione profonda, mentre il paziente si guarda sul monitor il suo stomaco.
Se la scelta della sedazione profonda invece è la sua, deve avvisare l'endoscoopista e l'anestesista di questo suo problema e si provvederà a mettere in atto tutte le misure precauzionali perchè l'esame venga eseguita in totale tranquillità.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#5] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio della risposta, dott. Caldarola.
La aggiornerò una volta effettuati il test endoscopico e la valutazione allergologica.
Saluti.
[#6] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Buonasera dott. Caldarola.
Ho effettuato il test allergologico: sono risultato negativo ad agenti inalanti e alimenti con Histamina non reattiva.
Parlando con l'allergologa, sembra che tutti questi sintomi possano rappresentare un disturbo funzionale legato al periodo stressante che ho passato in questi mesi...ma, di fatto, manca una diagnosi vera e propria. Oggi ho effettuato un prelievo di sangue su richiesta del medico curante per:
- Ig E + Ig specifiche per allergie (non ricordo tutte le sigle, mi perdoni);
- Anticorpi anti-transglutaminasi;
- PCR;
- Creatinina;
- Alanina aminotransferasi;
- Glucosio;
- Colesterolo;
- Emocromo con formula leucocitaria;
- Trigliceridi;
- TSH.
Dovrei avere i risultati entro il 12/06.
Il 13/06 effettuerò la gastroscopia come le avevo annunciato.
Nel frattempo, però, da circa 10 giorni si è sommato a tutto ciò un problema emorroidario, che sto trattando con Proctolyn e Preparazione H, sorto dopo un periodo di stipsi (stipsi, peraltro, che tuttora continua con feci dure nonostante stia assumendo molta verdura, fibre idrosolubili e bevendo molta acqua). Il problema emorroidario si era verificato con vere e proprie striature di sangue rosso vivo. Ad oggi, le striature sono notevolmente diminuite ma permangono tracce ematiche sempre rosse sul 'corpo esterno' delle feci. Non sono altrettanto sicuro, ad una analisi visiva, che non vi siano tracce anche interne alle feci. Cosa mi consiglia in questo caso?
La ringrazio per la disponibilità, c'è un'accavallarsi di sintomi che mi stanno togliendo serenità.
Un saluto.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
si faccia valutare da un proctologo: la patologia emorroidaria è di sua pertinenza.
Il medesimo potrà o no consigliarle una colonscopia. o una terapia più indicata di quella topica che sta facendo.
Noi via PC possiamo fare poco per lei. Spero comprenderà.
Dia notizie se avrà piacere.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#8] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dott. la ringrazio per la celerità nel rispondermi.
È un periodo un po' troppo ricco di esami, penso che aspetterò l'esito della gastroscopia e delle analisi, non vorrei mettere troppa carne sul fuoco.
La informerò senz'altro sull'esito delle analisi e della gastro.
Un saluto.
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
lei mi ha chiesto un parere....Era mio dovere darglielo.
Non le ho detto che dovrà fare la colonscopia, anche a motivo della sua giovane età, ma una visita proctologica e una risoluzione della stipsi potrebberlo risolvere un problema che è notoriamente molto fastidioso.
Era questo il mio intento.
Aspetto sue (buone) notizie.
Un saluto anche a lei.
Dott. Caldarola.
[#10] dopo  
Utente 449XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno dottore.
Ho ricevuto le analisi del sangue che avevo richiesto e ho (finalmente) fatto la EGDS.
Per quanto attiene alle analisi:
- Esame emocromocitometrico: valori nella norma;
- Formula leucocitaria: valori nella norma;
- Biochimica clinica (Creatinina, Trigliceridi, Colesterolo, HDL Colesterolo, ALT e IgA): valori nella norma;
- Tireotropina (TSH) metodo CLIA: valori nella norma;
- Proteina C reattiva: valori nella norma;
- Ac. anti-transglutaminasi: negativo;
- IgE specifiche allergologiche: valori nella norma.

Per quanto riguarda la EGDS:
Esofago di calibro regolare. Non varici. Cardias in sede ma ampio ed incontinente. Non si osservano attualmente segni di lesioni da reflusso a carico dell'esofago. Stomaco normotonico, plastico, con mucosa rosea, ben plicata, indenne da lesioni a corpo, fondo ed antro. Piloro ben superabile. Duodeno regolare fino a tutta la seconda porzione.
Conclusioni: incontinenza cardiale.

Come commenta tali risultati? Come procedere ora?
Grazie molte.
Saluti.
[#11] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Buonasera.
Lei mi pare che sia sano.
Resta da accertare il problema proctologico: quindi proceda, se vuole, con una visita proctologica. Oppure si rivolga ad un gastroenterologo competente anche per avere ragguagli sulla eventuale terapia della incontinenza cardiale, che può sostenere i suoi disturbi respiratori.
Faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.