Utente 450XXX
Gentili dottori

Da un po' di tempo è presente nell'unghia del mio alluce destro una micosi in stato medio/avanzato, che sto già trattando dopo aver effettuato regolare visita specialistica. Tuttavia col passare del tempo ho modificato, forse in modo eccessivo, le mie abitudini igieniche in relazione al timore di contagiare altre parti del corpo, evitando il più possibile contatti con calze e piede e lavandomi subito le mani in caso di inevitabile contatto.
Vorrei quindi una delucidazione professionale sul rischio contagiosità per altre parti del corpo, siano esse unghie o pelle, in modo particolare per le zone intime: per queste ultime in particolare sto attento ai limiti (travalicandoli immagino) dell'impossibile, evitando il contatto piedi-interno del boxer/indumento intimo durante l'atto di indossare questi ultimi.

Ringrazio anticipatamente per il servizio offerto e auguro un buon lavoro.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, una micosi ungueale una volta diagnosticata è sicuramente una patologia infettiva ed auto inoculante: pertanto da qui possiamo soltanto dire che questa micosi deve essere curata con successo e debbono essere escluse altre condizioni favorenti di tipo distrofico dell'unghia.
Cari saluti
Dott.Laino così
[#2] dopo  
Utente 450XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dottore

La ringrazio innanzitutto per la risposta. Sto già eseguendo la cura prescritta in modo scrupoloso, usando trosyd sull'unghia in cui è presente l'onicomicosi e facendo sempre attenzione al lavaggio ad alte temperature di calze e asciugamani che uso per pulire la zona in questione. Essendo auto inoculante, devo anche evitare il contatto con altre parti del corpo mentre indosso le calze? O le calze stesse sono sufficienti come "schermo protettivo"?

Comprendo bene che sia difficile, se non impossibile, valutare un caso a distanza senza vedere il tutto direttamente, vorrei avere però un'indicazione generale per capire quanto devo essere scrupoloso nel gestire la situazione, dove sta il limite tra precauzione/attenzione e paranoia insomma.

Chiedo scusa per le domande e ringrazio ancora per la risposta.