ebna  
 
Utente 440XXX

Buongiorno cari dottori, vorrei sottoporre alla vostra cortese attenzione una situazione che si è venuta a creare da quasi un anno ormai. Sono un ragazzo di ventuno anni e, circa nello stesso periodo in cui ho iniziato a soffrire di prostatite batterica da enterococco (poi curata), ho iniziato a presentare i seguenti sintomi, mai spariti ma forse anche peggiorati: secchezza oculare estrema, fatica cronica, febbricola a 37,5 persistente tutto il giorno che scende solo prima di andare a dormire, tremori per la fatica, difficoltà estreme di concentrazione e una leggera faringite con ingrossamento di una tonsilla. Ho eseguito una miriade di esami: mi sono state escluse (per ora) malattie reumatiche o autoimmuni, tutti i valori rientrano sempre nella norma, ad eccezione del complemento c4 sotto al range. Ho eseguito anche esami per citomegalovirus ed ebv. Le IGM sono entrambe negative, mentre le IGG sono entrambe positive: per il Citomegalovirus con un titolo di 114, e per l'EBV con oltre 600 (EBNA) e 426 (VCA). Insospettito dal valore altissimo delle IGG ho eseguito l'esame EBV-DNA nel sangue trovando un valore di ben 924 UI/ml, a detta di alcuni normale a detta di altri anormale in quanto il virus in una persona sana non dovrebbe essere presente in tali quantità nel sangue.
Vengo al dunque:
1) è possibile che sia questa virosi a generarmi i sintomi sopra descritti in assenza di tumori (esclusi), malattie reumatiche conclamate (escluse)?
2) Mi sono recato da un collega omeopata il quale mi ha prescritto la seguente cura: Maxiton 20 gocce insieme con 20 gocce di Sequoia Gigantea 20 gocce al mattino, Ribes Nigrum dopo colazione, pranzo e cena, Engystol due compresse da succhiare prima di dormire, Basenpluver un cucchiaino da caffè in acqua prima di dormire. Pensate che questa cura possa essere valida? Oppure potrebbe peggiorare la situazione stimolando il sistema immunitario? Lo chiedo perchè mi sembra di aver notato un peggioramento da quando l'ho iniziata.
3) Come posso procedere per la risoluzione dei problemi?

[#1] dopo  
Dr.ssa Miriam Carta
24% attività
4% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2017
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
il quadro clinico da lei descritto è in effetti abbastanza complesso e richiede uno studio approfondito.
Da medico omeopata/omotossicologa le suggerisco di effettuare la microimmunoterapia, una terapia che in casi analoghi al suo si è rivelata risolutiva.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 440XXX

Iscritto dal 2017
Mi sono informato sulla microimmunoterapia, a suo avviso è corretto assumere 2lebv al mattino e 2lcmv al pomeriggio vista la contemporanea presenza dei due virus?
[#3] dopo  
Dr.ssa Miriam Carta
24% attività
4% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2017
Si, è corretto, anche se considerati i costi di questa terapia potrebbe anche cominciare con 2LEBV e poi passare a 2LCMV. Ricordi che vanno assunte a digiuno (circa un'ora lontano dai pasti) e il contenuto della capsula va versato sotto la lingua (la capsula non deve essere ingerita), come sicuramente le avranno spiegato. La durata della terapia è di 3 mesi.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 440XXX

Iscritto dal 2017
Ho deciso di iniziare con 2lebv perchè al momento l'unico dato certo sembra essere la riattivazione dell'ebv. Nel giro di pochi giorni conto di andare a fare un ulteriore prelievo per verificare la presenza di altri virus (hsv 1-2 eccetera) che ho visto potrebbero anche loro dare problemi.
Ringraziandola di cuore per l'aiuto ed i consigli che mi sta dando avrei due domande da porle:
1) In base alle sue idee ed all'esperienza clinica, ritiene intelligente iniziare solo con 2lebv e poi verificare in itinere se inserire 2lcmv?
2) So di fare una domanda assai sciocca e a cui difficilmente si può rispondere, ma se 2lebv fosse "giusto" per la mia situazione, dopo quanto circa potrei ravvisare i primi benefici?

Grazie ancora per i preziosi suggerimenti, le auguro una buona serata.
[#5] dopo  
Utente 440XXX

Iscritto dal 2017
Vorrei infine porle una terza domanda che nasce dall'essermi ulteriormente informato al riguardo della microimmunoterapia, una domanda che penso essere molto importante.
Ho visto che per la cura dell'ebv sono previsti due preparati: 2lxfs, per sistemi immunitari iperreattivi, e 2lebv, per sistemi normali o iporeattivi. Ho visto che i criteri di classificazione del sistema immunitario riguardano T4 T8, rapporto T8c/T8s...
Come posso sapere quale sia corretto assumere? Ho già fatto una tipizzazione linfocitaria ma a T8s e T8c non viene fatta alcuna menzione.
Grazie ancora.
[#6] dopo  
Dr.ssa Miriam Carta
24% attività
4% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2017
Cominci con 2LEBV. La velocità di risposta alla terapia è soggettiva ma i benefici non si faranno attendere a lungo. Per eventuali ulteriori accertamenti e modifiche alla terapia segua i consigli del suo medico di fiducia che ha chiaro l'intero quadro clinico e può monitorare la situazione.
[#7] dopo  
Utente 440XXX

Iscritto dal 2017
Innanzitutto la ringrazio, seguirò ovviamente i suoi consigli e quelli del mio medico curante.
In secondo luogo ho iniziato la cura con 2LEBV, tra un congruo numero di giorni riaggiornerò la situazione.
A presto.