Utente 217XXX
Buongiorno,
il 21/04 in fase di prericovero per artroscopia spalla mi è stato riscontrato un aumento di glob bianchi
-wbc 18.05 (4-9)
-rbc 4.66 (4-5.2)
-neutrof 11.71 (2-7)
-linfoc 4.62 (1-3.7)
-monoc 1.52 (0-1)
Basofili,eosinofili, e restanti voci dell emocromo nella norma
-piastrine 220 (150-450)
Effettuati anche
-protrombinemia, pt-sec,pt-inr,tempo tromboplastina parziale. valori ok
-albumina, colesterolo tot, ldl e hdl , creatinina, glucosio, prot totali, trigliceridi, urea , gpt alt,got , colinesterasi ,numero di dibucaina, potassio e sodio, anticorpi anti hcv e antigene di superficie hbsag. Tutto ok

IL giorno 27/04 ho ripetuto gli esami...(stessi valori di riferimento)
-WBC 19.62-RBC 4.6-NEutrofili 13.9-linfociti 3.94-monociti 1.58-piastrine 232
Restante emocromo ok.In aggiunta ho effettuato con esiti nella norma
-FT4
-TSH-riflesso
In seguito a visita ematologica , altri esami il 27/05
-wbc 17 (4.1-12)-rbc 4.43 (3.75-5.63)-neutrof 10.53 (1.88-8.34)-linfociti 4.52 (1.14-4.07)-monociti 1.37 (0.13-1.10)-piastrine 235 (150-450)-ves 27 (1-20)-pcr 1.11. Elettroforesi sieroprot glob alfa2 12.1(7.1-11.8) e 0.88 (0.51-0.85).Ferritina 104.4(10-218) .CD34+ 0.05%(0-0.13) cd34 MICROL 8.7 (0-5)
esami urine-urinocoltura,sangue occulto feci ,pap test ,visita ginec tutto ok

Effettuato anche eco addome completo

-Fegato di dimens ai limiti superiori di norma, margini reg, ecostrutt diffusamente iperecogenacon perdita di echi in profondita( steatosi intermedia). no lesioni focali. Vene sovraepat pervie e reg. Vie biliari e asse spleno-portale ok.Pancreas visualizzabile solo a livello della testa e del corpo x meteorismo appare regolare,come la milza priva di lesioni focali.
Reni ,aorta e Vescica ok. Utero nei limiti dimensionali,rima endometriale non valutabile.Non grossolani processi espensivi in sede annessiale bilateralmente.Non versamento libero in addome,ne grossolane adenomegalie nelle stazioni addominali indagabili.



In attesa di ulteriore visita,potrebbe essere preoccupante il quadro?...considerando che io mi sento bene,senza dolori e senza febbre,solo con tanto stress (ho avuto due herpes a distanza di un mese uno dall'altro),devo fare la pulizia dei denti e ho una piccola carietta.Dalla vita ematologica no sono stati rilevati linfonodi gonfi.Sono fumatrice
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
la sua leucocitosi, a prevalenza neutrofila, è degna di ogni attenzione.
Anche perchè individuata PRIMA di eseguire l'intervento e dunque in assenza di ipotizzabili cause infettive.
Inoltre confermata dall' emocromo del 24/05 e dalla visita ematologica.
Intanto sarebbe interessante conoscere la diagnosi posta dall'Ematologo che l'ha visitata.
Che mi auguro abbia provveduto all'allestimento e alla lettura di uno striscio periferico per evidenziare la presenza di elementi atipici o poco maturi.
In ogni caso se tra 15 gg il trend dei suoi leucociti dovesse rimanere sui valori attuali, una patologia mieloproliferativa cronica della linea mieloide deve essere assolutamente considerata e confermata sia con esami genetici su sangue periferico sia con biopsia osteomidollare.
Ciò per iniziare subito una terapia con i nuovi farmaci "intelligenti" (Imatinib e successsivi) che hanno radicalmente modificato la storia naturale di queste patologie ematologiche.
Eventualmente una saggia decisione potrebbe essere quella di ricoverarsi per qualche giorno presso un repato di Ematologia, notoriamente serio, in un ospedale della sua città.
Mi faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
21796

dal 2017
Buongiorno,
innanzitutto La ringrazio per la celere risposta.
L ematologo non ha fatto ne richiesto lo striscio di cui parla ,e la sua diagnosi è stata leucocitosi di ndd.
Diciamo,che se non fosse stato per la richiesta che mi ha fatto per ulteriori esami,può essere stato tempo perso.
Io abito a Magenta(MI)....SA CONSIGLIARMI qualche nominativo ?Per quanto riguarda il ricovero,ci stavo pensando anche io!!!
Che cosa sarebbe questa patologia di cui parla?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Se riesce a spostarsi a Pavia, il Policlinico S. Matteo ha una Ematologia non soltanto all'avanguardia ma storica. E' stata la sede dove il prof Adolfo Ferrata ha dato il meglio di sè ed è stato uno dei fondatori della moderna Ematologia.
Inoltre l'Istituto è in contatto con la Ematologia di Basilea in CH ed è alla collaborazione tra queste due strutture di eccellenza che si sono potuti raggiungere punti di svolta sia nella diagnosi che nella terapia delle malattie ematologiche e linfoproliferative.
In alternativa se non vuole allontanarsi da Milano può risvolgersi alla Unità di Ematooncologia dell'IEO, diretta dal Prof. Rocco Pastano.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.