Utente 452XXX
Gentilissimo dottore, le scrivo per mio figlio di quasi 4 anni. Nel mese di Gennaio 2017 casualmente ci siamo accorti di una piccolo rigonfiamento allo scroto, l'abbiamo portato in ospedale e in meno di due ore avevamo la diagnosi: cisti del funicolo. L'operazione è stata fissata a Luglio, il 21 Luglio perchè non urgente. Il mese di Marzo la cisti si è modificata, è passata da una dimensione di circa 2 centimetri a circa 5 ed era anche rossa. E' stato visitato in quel periodo da un altro chirurgo che aveva dichiarato di dover al più presto intervenire chirurgicamente, ma di fatto nessuno ci ha chiamato per anticipare l'intervento. Poi improvvisamente il volume della cisti si è ridotto sempre più fino a scomparire. Il pediatra dice che comunque è rimasto idrocele o varicocele ma gli abbiamo fatto fare un ecografia che evidenzia che non c'è nè idrocele e nè varicocele. Il nostro dubbio ora è questo, visto che non c'è più la cisti è ancora necessario l'intervento? Anche se il canalino è ancora aperto ma non c'è cisti e liquido bisogna intervenire lo stesso? Io e mio marito pensiamo di rivalutare l'intervento solo se si dovesse nuovamente formare la cisti, sbagliamo? Un intervento a parere nostro è sempre un intervento e se non c'è particolare urgenza si può differire? Grazie mille se vorrà dedicarci qualche minuto per la risposta. Grazie ancora.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Claudio Olivieri
36% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
in considerazione del quadro clinico proporrei di eseguire una rivalutazione chirurgica e valutare la situazione attuale.
Cordiali saluti.