Utente 448XXX
Buongiorno,
Questa mattina mi sono recata in un centro avis della mia regione per eseguire un prelievo ematico di controllo.
L'infermiere mi ha fatto il prelievo senza utilizzare i guanti. Ho notato che anche gli altri infermieri in turno non utilizzavano i guanti con le altre persone (non mi sembra una cosa molto positiva).
Il mio dubbio è: se l'infermiere fosse affetto da epatite c o da altre epatiti, posso aver corso qualche rischio di trasmissione?
Inoltre secondo lei dottore un infermiere se fosse affetto da malattie trasmissibili con il sangue può lavorare in un centro di raccolta avis? Io non credo poiché li i medici sono molto rigorosi su queste malattie con i donatori e su tante altre cose quindi non penso un infermiere con queste malattia lo farebbero lavorare li, magari sceglierebbero per lui un altra tipologia di reparto.
Cosa ne pensa?
Posso stare tranquilla?
Buona giornata
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
la maggior parte dei "prelevatori" non usano i guanti.
La ragione è che con essi si perde la sensibilità dei polpastrelli e diventa più indaginoso trovare una vena al primo buco, specie in caso di vene "difficili".
Inoltre se la pelle delle mani è sana non vedo quale patologia un inferimere possa trasmetterle.
Certo non è polically correct ma le posso assicurare che tranne situazioni a noto rischio infettivologico, in cui è da tutelare la salute dell'infermiere, l'uso dei guanti nelle sale prelievi è assai raro.
Per quanto riguarda le malattie trasmissibili per via ematica, tutto il personale sanitario, medici e paramedici, sono per legge dottoposti a controlli scadenzati e se risultino positivi a malattie infettive vengono esonerati e addetti ad altre funzioni.
In conclusione, si tranquillizzi e chiuda questo capitolo, perchè non ha corso nessun rischio.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 448XXX

Iscritto dal 2017
Ok, grazie dottore del suo consulto!