Utente 916XXX
Salve,
sono un ragazzo di 21 anni e Vi scrivo per un problema di natura muscolare alla gamba dx dal quale non trovo via d'uscita!
Lo scorso 15 Luglio durante una partita di calcetto ho avverito, calciando il pallone, un forte dolore alla gamba dx. Ho consultato il mio medico ed il mio fisioterapista che mi hanno consigliato riposo x 20 giorni, ghiaccio e massaggi leggeri.
Tuttavia, al mio ritorno in campo circa 1 mese e mezzo dopo ho riavvertito il riacutizzarsi del dolore ed ho deciso,successivamente, di fare un'ecografia della quale vi scrivo l'esito (in data 09/10).
"Lo studio della regione anteriore della coscia dx ha evidenziato discreto ispessimento del 1/3 prossimale del muscolo retto anteriore. Nel suo contesto si apprezzano vaste aree ipoecogene,disomogenee con grossolane (diametro max. 19mm) calcificazioni per esiti di pregresso strappo muscolare con ematoma".
mi sono rivolto,quindi, ad uno specialista, il quale mi ha somministrato un'infiltrazione di cortisone, muscoril (che chiamava, forse in gergo,"marcatina").
Tuttavia sento ancora dolori nei pressi della giuntura del muscolo, nella parte accanto all'inguine. e' normale? cosa dovrei fare? Ci vorrà ancora tanto tempo per guarire? è davvero grave il mio problema?
Vi ringrazio sentitamente x il tempo dedicatomi ed in attesa di Vostra risposta vi porgo i miei + cordiali saluti,
Alberto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non credo che le medicine abbiano un nome gergale, forse si trattava di marcaina, un anestetico locale. Il trauma che ha riportato ha determinato un'importante lesione del muscolo tanto da determinare delle calcificazioni. Un possibile trattamento potrebbe essere l'applicazione delle onde d'urto. Dico "potrebbe" perché è evidente che non è possibile fare diagnosi e prescrivere cure online, senza visitare il paziente. Potrebbe rivolgersi alla Clinica Ortopedica dell'Università di Bari: non conosco nello specifico ma alcuni anni fa lessi dei lavori condotti in collaborazione con la clinica ortopedica II. In questo modo potrebbe sapere le condizioni effettive del muscolo e le possibili cure, e anche avere informazioni circa l'attività sportiva
Cordiali saluti