Utente 916XXX
buongiorno sono dino ho 38 anni, nel mese di marzo 2006 mi sono fratturato lo scafoide della mano dx mi hanno ingessato per 30 gg. con gesso sopra al gomito e altri 30 gg. l'avanbraccio, poi 20 sedute di magnetoterapia da 30' e 15 sedute di fisioterapia. I risultati non sono proprio quelli attesi anche se riesco ad usare la mano in quasi tutte le sue funzioni, anche sotto sforzo, ho fatto molte visite da diversi ortopedici i quali vedendo le lastre e risonanze magnetiche, mi parlavano dell'operazione ma dopo la visita mi viene sconsigliata perchè ho il 100% della mobilità con poco dolore, solo se cercato, L'ultima visita fatta a luglio 08 mi viene consigliato l'intervento con prelievo di osso dal radio 90 gg. di gesso 60 gg. di riabilitazione questo per non correre il rischio che le altre ossa del polso, spingendo sullo scafoide, lo possano rompere irrimediabilmente. Attualmente riesco a fare tutto anche sforzi sento un leggero dolore solo se spingo con forza il polso indietro oltre 90°, secondo voi cosa devo fare ??? cosa comporta l'intervento non riuscito bene??? grzie molte per la gentile attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Milano
48% attività
4% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non è facile rispondere al suo quesito. Se si considerassero solo le immagini radiografiche (che immagino documentino una pseudoartrosi di scafoide) potrebbe esserci indicazioni all'intervento chirurgico. In considerazione però del fatto che l'escursione articolare è nella norma, sinceramente, fosse il mio scafoide, prima di esser operato ci penserei bene.
L'intervento a cui lei fa rifermiento consiste nel prelevare un frammento osseo dal radio e impattarlo nella zona di non consolidazione dello scafoide.
Nel caso in cui dovesse non riuscire il frammento impiantato andrebbe incontro a riassorbimento e potrebbe anche residuare una limitazione dell'escursione articolare.
Personalmente fosse un mio paziente le consiglierei di attendere facendo visite periodiche onde valutare l'evoluzione della frattura.
Mi è capitato di vedere pazienti con pseudoartrosi vecchie di 20 anni che non hanno alcuno problema di movimento articolare.

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 916XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta è stato gentilissimo, vorrei solo sapere se ci dovesse essere un peggioramento sarebbe improvviso o gaduale? Quindi l'idea che avevo di fare dei controlli periodici non è sbagliata, anche se sconsigliata da un suo collega.
cordiali saluti Dino
[#3] dopo  
Dr. Michele Milano
48% attività
4% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Scusi il ritardo nella risposta...
Il peggioramento dovrebbe essere graduali.
Non mi sento di dirle che il collega ha sbagliato a darle i suggerimenti visto che lui ha avuto la possibilità di veder le lastre.
In linea teorica sarebbe opportuno eseguire dei controlli nel tempo.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 916XXX

Iscritto dal 2008
Ringrazio per l'attenzione ricevuta, mgari avremo modo di risentirci in futuro. cordiali saluti Dino.