Utente 453XXX
Buongiorno,
il 29 marzo scorso sono stata operata al ginocchio dx per una frattura trasversa della rotula a causa di una caduta avvenuta due giorni prima. L'operazione ha consistito in osteosintesi mediante viti transossee e cerchiaggio. L'operazione, a detta dell'ortopedico e confermata dalla lastre di controllo, è andata bene. Dopo qualche giorno in ospedale sono stata dimessa con le stampelle ed un tutore, che ho tenuto per circa 45 giorni (dopo un primo periodo bloccato in estensione totale, mi è stato progressivamente sbloccato il tutore, ed altrettanto progressivamente ho abbandonato le stampelle). A circa 30 giorni dall'intervento ho iniziato la fisioterapia. Partendo da una flessione di 30°, ad oggi (sono quasi 45 giorni di fisioterapia) arrivo a flettere circa 120°. I fisioterapisti dicono che sono contenti dei miei progressi, perché partivo da una notevole rigidità, in più sto, anche se lentamente, riprendendo tono muscolare ed aumentando i carichi (l'unico momento che ho di vera fatica è nella leg extencion, perché fa ancora piuttosto male).
Nonostante i progressi, di cui sono contenta, ho alcuni dubbi su cui vorrei richiedere un Vs. parere.
Il ginocchio è ancora gonfio, soprattutto intorno alla rotula, mi sono accorta che progressivamente il gonfiore cala, ma davvero molto molto lentamente; inoltre al tatto è sempre piuttosto caldo. I fiosioterapisti mi hanno detto che è normale vista la frattura, la presenza dei mezzi di sintesi ed il fatto che lo sto facendo lavorare molto; dicono che ci vorrà ancora del tempo prima che si sgonfi. Io faccio impacchi di ghiaccio più volte al giorno e massaggio con arnica. Secondo Voi è normale questa situazione?
Il dolore va a viene a seconda dei momenti; in particolare, da qualche giorno sento un fastidio un po' doloroso proprio sulla rotula, quando inizio a camminare e quando cambio posizione. Continuando a camminare, o facendo la cyclette o gli esercizi in carico, però non lo sento aumentare. E' normale il permanere del dolore e secondo voi per quanto tempo? E' possibile che sia legato ai mezzi di sintesi?


Grazie mille per le risposte che vorrete darmi.
[#1] dopo  
Dr. Silvio Boer
28% attività
8% attualità
16% socialità
TORRE PELLICE (TO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
La frattura di rotula proprio per la sua posizione in corrispondenza di una articolazione importante e così mobile può dare facilmente dei problemi in modo particolare nella mobilizzazione post\intervento anche per la presenza dei mezzi di sintesi che sono proprio sotto la pelle e non coperti da muscoli. La cosa importante è che la riduzione della frattura sia corretta e a quanto ci dice sembra che questo sia stato fatto. 3 mesi quindi sono ancora pochi per considerare un recupero completo ed in modo particolare sovente bisogna poi pensare alla rimozione nel tempo dei mezzi di sintesi che possono essere anche la causa di limitazione e dolore al movimento. Ci sembra di capire che stia effettuando in modo corretto la Fisioterapia abbia quindi pazienza e valuti con calma il progressivo recupero e guarigione affidandosi con fiducia alle cure di chi la sta seguendo. Cari saluti. Dr.Silvio BOER
[#2] dopo  
Utente 453XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno,
Per prima cosa grazie mille per la sua risposta.
Sono contenta che anche a suo giudizio il decorso sia normale.
Continuerò con tutto il mio impegno la fisioterapia e gli esercizi che mi daranno.
Dopo l'estate ho già in programma un controllo con radiografia per seguire l'esito della guarigione e valutare quando togliere i mezzi di sintesi.

La ringrazio ancora tanto!

Cordiali saluti