Utente 917XXX
Salve, sono una ragazza di 24anni e da circa due mesi sto seguendo una terapia a base di metformina (3 compresse al diè da 500mg) inquanto a seguito di una visita diabetologica, comprendente dosaggi ormonali e una completa curva da carico, mi è stata riscontrata una lieve insulino resistenza, conseguentemente la mia ginecologa mi ha prescritto questa terapia da seguire fino a che i valori di insulina non si abbassino, premetto che soffro di ovaio policistico, ma sono magra e seguo una dieta abbastanza restrittiva, nel senso che non mangio più di 2 volte a settimana la pasta(70gr.) pane (50gr. a pranzo e 50gr. la sera), 2 porzioni di frutta e verdura ai pasti, preferendo le proteine ai carboidrati. Nell'ultimo periodo ho perso peso e mi sento in forma, anche perchè pratico sport, ma la mia paura è che una volta sospesa la terapia possa riprendere peso, pur continuando a seguire questo tipo di regime alimentare. Spesso dopo i pasti principali ( pranzo e cena) ho dei forti dolori di stomaco e a volte mi sento stanca pur non affaticandomi, anche salendo semplicemente le scale e sporadicamente mi lacrimano forte gli occhi, sopratutto davanti al pc o quando leggo. Vorrei sapere se sospendendo la terapia non risolverò mai il problema dell'insulina e dell'ovaio policistico (che mi causa amenorrea e sbalzi di ciclo mestruale) come dice la mia ginecologa e che non ci sono altre strade alternative per risolvere il problema. Cosa posso fare? Vi prego rispondete ai miei dubbi. Ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mauro Lombardo
28% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
gentile utente
se seguirà uno stile di vita sano ed un'alimentazione corretta difficilmente riprenderà peso una volta interrotta la terapia con insulinosensibilizzante. E' chiaro nello stesso tempo che una eccessiva restrizione nell'alimentazione può risultare, a lungo termine, abbastanza controproducente sopratutto per la riduzione del metabolismo basale. In questo senso sarebbe probabilmente utile la visita presso il dietologo della sua ASL per valutare una corretta terapia nutrizionale.
Cordiali saluti