Utente 241XXX
Buongiorno,
La mia ragazza ha avuto, in data 30 aprile, un aborto settico alla dodicesima settimana causato da un salpingite acuta. È stata ricoverata 12 giorni all ospedale e trattata con 3 antibiotici il giorno via vena e via orale ( fra questi sicuramente il bassado, il flagyl e il rochefin) con 6-7 somministrazioni totali il giorno. Una volta tornata a casa ha continuato l assunzione di bassado e flagyl due volte il giorno e per altri 12 giorni, terminando quindi l assunzione il 22 maggio. Il 2 giugno siamo stati due giorni al mare e tornati a casa ci siamo accorti che le erano spuntati su gambe e braccia tanti piccoli bollocini rigonfi che le davano molto prurito (una sorta di dermatite)..ci abbiamo applicato una crema cortisonica mattina e sera x 3-4 giorni fino a che non sono spariti del tutto. In quei giorni tali rigonfiamenti il giorno sembravano sparire mentre tornavano fuori la sera insieme al prurito. Questo fine settimana siamo tornati nuovamente al mare, con protezione 30, e anche ieri al ritorno a casa ci siamo accorti che le erano tornati fuori questi ponfi su gambe e braccia, senza pero particolare prurito.È possibile che tale eruzione sia ancora dovuta all ingente quantita di antibiotici presi ormai quasi un mese fa che in qualche modo siano ancora in circolo?premetto che la mia ragazza non ha mai sofferto di eritemi avendo la pelle scura e non scottandosi mai. PS La prossima settimana abbiamo una settimana di ferie al mare..possiamo stare tranquilli con l applicazione di una protezione 50?!?!mi consigliate una protezione bio o normale? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
è impossibile darle qualsiasi consiglio per via telematica su una patologia della pelle che necessita di essere vista con gli occhi e non descritta.
E' evidente che gli antibiotici assunti un mese fa non hanno alcuna attinenza con la dermatite della sua ragazza.
La soluzione più saggia è di portarla a visita da un dermatologo, che vedrà le lesioni, farà diagnosi e darà una terapia adeguata.
E' l'unico modo per trascorrere la settimana di ferie al mare in tranquillità.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.