Utente 453XXX
Sabato notte ho avuto una crisi asmatica, ho preso la solita pastiglia di cortisone. Sono stata meglio ma ho continuato ad avvertire delle difficoltà respiratorie: senso di oppressione al torace, come un qualcosa in gola che non permetteva all'aria di scendere e la sensazione di non riuscire a fare respiri profondi, perchè l'aria resta come bloccata.
Andando dal medico mi è stato prescritto un antistaminico, altro cortisone e altri farmaci da inalare con il nebulizzatore. Si tratta di broncospasmo dovuto ad un'allergia, dice il mio medico.
Ma da quando ho memoria, dato che di crisi asmatiche per allergia ne ho avute molte fumando da qualche anno, i sintomi sono diversi da quelli che ho ora.
Di solito comincia tutto con degli starnuti, dopo un'oppressione ed un bruciore al petto ed infine arriva il catarro e la tosse grassa.
Questa volta invece ho solo una tosse secca, non sembra esserci traccia di catarro, e pur prendendo cortisone e medicine da quattro giorni la situazione non sembra migliorare. Continuo ad avere difficoltà a respirare, ed è davvero deabilitante, non posso più mancare a lavoro. Poi fatto che i sintomi siano così diversi dal solito mi preoccupa. Cosa dovrei fare? Dovrei prendere farmaci diversi da questi?
Sono molto preoccupata.
[#1] dopo  
Dr. Gianni Gitti
32% attività
16% attualità
12% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2014
Buongiorno,
il quadro deve essere valutato con una visita otorinolaringoiatrica corredata di fibrolaringoscopia. Potrebbe anche trattarsi di reflusso extra-esofageo che in alcuni casi può presentarci con questi sintomi.
A tal proposito dia un'occhiata a questa pagina:

https://www.icare-cro.com/reflusso.html

O scarichi la nostra App Ufficiale CRO Firenze.

Cordialmente