Utente 880XXX
Buongiorno dottore, da circa due mesi soffro di dolori adominali (fitte sporadiche) che si localizzano soprattutto nell'area del fegato e del tubo digerente, ma a volte anche nella zona della milza. Ultimamente durante una gastroscopia mi è stata diagnosticata una ernia iatale e positività a helicobatter pilori, curato con antibiotici. Ho disturbi di reflusso a volte importanti e recentemente un andrologo mi ha diagnosticato una prostatite. Ho eseguito esame urine per la ricerca di infezioni e feci per la ricerca di sangue occulto che risultano entrambe negativi. Quando avverto i dolori nell'area epatica ho notato che premendo con le dita si attenuano, mentre premendo con le dita nella parte alta dello stomaco, sento dolore.
Il tutto si accompagna a mal di schiena dei quali pero' soffrivo in precedenza e ad una minzione urinaria maggiore.
In ultimo da qualche mese provo dolori anche nella zona della cicatrice che mi fu fatta 10 anni fa per curare una ernia adominale con inserimento di rete, accompagnato dalla sensazine di fastidio simile a quando soffrivo di ernia con relativo testicolo sx piu' lungo dell'altro, soprattutto quando tossisco.
La prego dott. mi dica cosa puo' essere, claudio
Mi sa dire se tutto possa dipendere dai dolori di schiena che ho sempre piu' frequentemente o da una pubalgia trascurata?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signor Claudio
il quadro clinico che descrive necessita sicuramente di una visita medica che non può essere effettuata via internet. I dolori addominali nei quadranti superiori potrebbero essere determinati sia da un disturbo gastroenterico che da disturbi della colonna. Solo visitandola ed effettuando alcune manovre semeiologiche si è in grado di capire o di escludere alcune malattie. La invito quindi ad effettuare innanzitutto una visita dal suo medico curante che, in caso di necessità, le farà fare gli accertamenti più opportuni.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 880XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la solerzia nella risposta.
Puo' indiarmi il suo recapito per una visita?
[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
io visito in ospedale, durante le ore istituzionali di servizio, nei turni di ambulatorio, ma non è possibile programmare visite in quanto le assegnazioni vengono effettuate tramite Centro Unico Prenotazioni.
Privatamente non ritengo corretto farle spendere soldi per una visita che può effettuare tranquillamente il suo medico curante, indirizzandola poi dallo specialista più idoneo che potrebbe non essere un chirurgo come me.

Cordiali saluti