Utente 654XXX
Gentili dottori, l'ultimo ecocardiogrammadoppler effettuato da mio figlio, 40 anni, fumatore (circa 15 sigarette al giorno) e portatore di lieve prolasso mitralico con minimo rigurgito riporta una radice aortica di 37mm contro i 35mm del precedente esame effettuato 4 anni fa presso un altro centro diagnostico. Vorrei gentilmente sapere se tale referto rientra nella norma o se è già presente una iniziale dilatazione.
Se fosse già presente una dilatazione, il fatto che mio figlio sia un fumatore, può aver accelerato il problema? Dopo quanto tempo è consigliabile ripetere l'esame?
Le conclusioni dell'ecocardiogrammadoppler sono le seguenti:
Ventricolo sinistro di normali dimensioni e spessori parietali. Buona funzione sistolica globale. Radice aortica di normali dimensioni con semilunari di normale morfologia e movimento di apertura. Atrio sinistro di normali dimensioni. Lieve prolasso di entrambi i lembi mitralici con minimo rigurgito valvolare. Sezioni destre di normali dimensioni.
Ringrazio di cuore porgendo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, le lievi modifiche riscontrate all'ultimo ecocardiogramma dopo ben 4 anni dal penultimo, rientrano ancora nelle modifiche fisiologiche legate al passare del tempo. Il lieve vizio mitralico, in assenza di sintomi va controllato almeno ogni tre anni con un ecocardiogramma colordoppler, come già sta facendo. Nel complesso la situazione è stabile e va solo controllata nel tempo. Infine, il fumo? E' nocivo non solo per i polmoni, ma per l'intero organismo...sempre!
Cordialmente,