Utente 454XXX
Salve, sono una ragazza di 17 anni e mezzo, peso 44,5 kg, sono alta 1.57, ho carenza di ferro e sono anemica. Ho fatto una ecografia dalla ginecologa e risulto avere la sindrome dell'ovaio policistico, non so se sia questo ma ho delle secrezioni vaginali abbastanza dense come la ricotta e inodore, accompagnato tutto da fastidio prurito all'interno ed esterno della vagina e bruciore. Fra qualche giorno mi arriverà il ciclo, ma sto notando dall'altro ieri che ho delle coagulazioni di sangue nella vagina abbondanti di colore rosa-bianco e fa leggermente puzza. Non so cosa sia, spero nulla di grave, per favore chiedo di essere aiutata, mi vergogno molto a parlarne con mia madre di questa cosa. La domanda è:
Sono normali queste coagulazioni di sangue con un colore molto chiaro?
Grazie anticipatamente
[#1] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Le perdite, il prurito, il bruciore, il cattivo odore vaginale sono sintomi che fanno sospettare la presenza di una vaginite.
Una visita ginecologica eventualmente associata a un tampone vaginale è fondamentale per chiarire la diagnosi e risolvere il problema attraverso una adeguata terapia.

Le "coagulazioni di sangue con colore molto chiaro" potrebbero essere un lieve spotting premestruale che a volte può capitare a causa di transitori squilibri ormonali.

Non si deve vergognare di parlare di queste cose con sua madre, sono sicura che sarà ben felice di aiutarla.

Quanto tempo fa ha consultato la sua ginecologa? Oltre all'ecografia le ha fatto anche una visita ginecologica?
[#2] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
Grazie Dottoressa per la sua disponibilità, ho consultato la mia ginecologa circa due mesi fa. Oltre all'ecografia non mi ha fatto una visita ginecologica, da premettere che sono vergine.
[#3] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Bene, i disturbi che riferisce non fanno pensare a cose preoccupanti.
E' opportuno però segnalarli alla sua ginecologa curante che potrà aiutarla concretamente a capire da cosa dipendono e come risolverli.

Mi aggiorni se vuole.

Un caro saluto