Utente 446XXX
Salve dottori. Sono una ragazza di 17 anni che ha scoperto 2 mesi di soffrire di ANEMIA SIDEROPENICA, con ferro basso(13)ferritinina bassa(2)transferrina alta(428) emoglobina bassa (10.2), globuli rossi un po' altini (5.4),MCV basso(64),RDW-CV alto, ematocrito ai limiti bassi e piastrine ok. 2 anni fa circa ho cominciato ad avvertire i primi sintomi: quasi un giorno sì un giorno no avevo gambe pesanti senza gonfiori dal pomeriggio/sera, mani e piedi freddi. Dall'anno scorso ho cominciato ad avere giramenti di testa quando mi alzavo bruscamente e capelli che cadono di più, poca lucidità e a volte stanchezza, e più raramente fiato corto. Durante questo periodo di sintomi ho anche avuto 2 episodi di emicrania con aura visiva( particolare tipo emicrania con problemi visivi)uno un anno e mezzo fa, l'altro un anno fa e più niente. Ora assumo ferro, e ho quasi finito. La situazione sembra in via di miglioramento, ma ogni tanto ho ancora gambe molli e stanchezza. Sembra che non sia ancora tutto risolto. Il mio ginecologo, vedendo le analisi,è quasi certo che io sia portatrice di anemia mediterranea. Cosa comporta questo? Inoltre mi ha prescritto la pillola anticoncezionale per ridurre il ciclo ma ho paura di prenderla per i rischi,seppur bassi, di trombosi e embolia. Io sono un po' preoccupata perché ho paura che oltre all'anemia ci sia qualche problema di circolazione o coagulazione. Inoltre il ginevologo non ha escluso questi problemi. Preciso che ho sempre fatto le visite medico-sportive ed è tutto risultato sempre ok. Mi dia un parere o consigli per quanto riguarda la mia situazione clinica e il discorso pillola. Grazie mille in attesa di risposta.
Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
ma le pare che io possa valutare la sua situazione basandomi su affermazioni generiche come:

" Ora assumo ferro, e ho quasi finito. La situazione sembra in via di miglioramento, ma ogni tanto ho ancora gambe molli e stanchezza."
Che significato ha? Non ci sono dati ci sono parole!

"Inoltre mi ha prescritto la pillola anticoncezionale per ridurre il ciclo ma ho paura di prenderla per i rischi,seppur bassi, di trombosi e embolia"
Un ginecologo degno di questo nome prima di prescrivere una "pillola" sa bene che deve fare una anamnesi familiare e personale molto accurata per escludere una tendenza alla trombofilia e sa anche quali esami fare sulla paziente per metterla (e mettersi) in sicurezza.

"Il mio ginecologo, vedendo le analisi,è quasi certo che io sia portatrice di anemia mediterranea. Cosa comporta questo?"
Può riferire a codesto suo ginecologo che se ha la quasi certezza che lei sia Thalassemica c'è un modo banalissimo per accertarlo definitivamente: effettuare una elettroforesi dell'emoglobina che si fa anche nel laboratorio di analisi più modesto.
Di modo che lei possa sapere se, al di là della sideropenia, sia anche thalassemica oppure non lo sia CON CERTEZZA.
Ma queste cose avrebbe dovute dirgliele il suo Ginecologo, senza necessità che un professionista di MI+ gliele facesse notare.
Ad ogni modo parli di tutto con il suo medico e se vorrà mi faccia sapere.
Buona giornata e un saluto cordiale,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2017
Gentile dottore,grazie della risposta. Mi rendo conto che effettivamente la situazione non è facile da comprendere così a distanza. Tuttavia mi pare di averLe fornito i sintomi, i risultati dettagliati delle analisi di 2 mesi fa, i sintomi attuali dopo due mesi di cura di ferro, e i presentimenti e le cure del mio ginecologo. Altro non saprei aggiungere perché devo rifare le analisi tra circa 15 giorni, tra cui anche quelle per testare la talassemia che mi ha prescritto il ginecologo. Ha perfettamente ragione, purtroppo questo dottore non mi ha fatto fare analisi approfondite e non mi ha spiegato i possibili effetti collaterali, e di questo me ne stupisco perché è addirittura un primario. Ho letto il bugiardino e qualcosa su internet e mi sono subito spaventata degli effetti, però sono contenta di averlo fatto così almeno "ho aperto gli occhi". Se fossi venuta prima a conoscenza di tutto ciò sicuramente avrei richiesto queste analisi e magari anche una pillola più leggera e con meno effetti collatetali.Se lei giustamente non se la sente di fare ipotesi diagnostiche azzardate sulla mia situazione di salute, i consigli che desideravo comunque avere sono i seguenti:
1) Cosa comporta eventualmente avere la telassemia e che rischi ci sono?
2) A questo punto io come mi devo comportare? Non prendere la pillola e richiedere le analisi al ginecologo? Cambiare la pillola Mercilon con una più leggera?
3) devo fare altri esami per escludere problematiche di altro tipo(fegato, tiroide o chessò io)?
4) nel caso prendessi la pillola per un mese solo corro comunque rischi o in genere essi si presentano solo dopo un periodo prolungato?
Sicuramente con le ultime analisi in mano la situazione sarebbe più chiara, ma tra un po' mi arriva il ciclo e non so se prendere la pillola che ho già comprato. Anche perché contraddire i medici non è mai facile, sembra che vuoi sostuirti al posto loro, anche se ha volte si ha ragione.
Spero che mi possa aiutare a risolvere i miei dubbi. La terrò aggiornata
Arrivederci
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
non sempre "Primario" è sinonimo di eccellenza. Di questa affermazione sia pure sicura.
I primari oggi sono di nomima politica e non già per meriti professionali. Nella gran parte dei casi. Con le dovute eccezioni.
Non ho capito che cosa voglia esprimere: quando lei posta un consulto il medico chi le risponde, gratuitamente e per gentilezza ma non è tenuto ad andarsi a vedere la sua storia clinica e i suoi esami, se li abbia già postati in altra richiesta di consulto: lei è invece tenuta a riscrivere eventuali dati in suo possesso per agevolare il compito del professionista telematico.
Tanto premesso:
-Se lei fosse thalassemica l'unica attenzione che dovrà osservare sarà qualora decida di concepire: se concepirà con un parter thalassemico avrà la possibilità di generare figli con la forma più grave di thalassemia.
-Io le ho detto solo che ci sono delle indagini da fare, anche abbasatanza banali, prima di iniziare la contraccezione estro - progestinica: ovviamente questo è il mio parere professionale che non vuole essere cogente nè per lei nè per il suo primario.
A cui non mi permetterei mai di consigliare una pillola diversa da quella da lui decisa: è come se qualcuno che non comprende nulla di ipertensione mi dicesse con che farmaci devo trattare un iperteso.
Mi pare che la condotta più corretta sia quella di esporre con il dovuto tatto i suoi dubbi al suo ginecologo: Primario o secondario lei lo paga e ha tutto il diritto di ottenere le spiegazioni che le servono per assumere la "pillola" in tranquillità.
C'è modo e modo di interloquire con un medico: e c'è modo e modo da parte di un medico, di qualsivoglia "rango" di rispondere alle domande LEGITTIME dei suoi pazienti: sennò mandi al diavolo il Primario e se ne cerchi un altro....le assicuro che non avrà difficoltà a reperirlo.
Se vorrà mi faccia sapere.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2017
Dunque: per fortuna io non ho nessuna storia clinica particolare,avendo anche 17 anni. Non ho mai fatto nè morbillo nè varicella, ho fatto tutti i vaccini previsti.L'unica cosa particolare è che a 9 anni ho avuto la polmonite e sono stata ricoverata 4 giorni in ospedale, in più ho fatto la cura Klacid. La mia pressione è normale(67-112), il colesterolo non l' ho mai controllato di recente. Ho sempre fatto le visite medico- sportive per l'attività agonistica di basket, ed è tutto risultato ok. Una volta mi è stata diagnosticata la tachicardia ma era solo un fatto di ansia, infatti ho fatto l'ecocardiogramna risulto ok. Tutto ciò non l'ho scritto perché pensavo che non fosse d'aiuto per il discorso anemia. Sul fatto del dottore sono perfettamente d'accordo, sono dalla Sua parte!! Io condividono e apprezzo il Suo approcio con i pazienti. Magari i medici fossero tutti così come Lei!!! Comunque provvederò ad esporre i miei dubbi al mio ginecologo, e se noto che è indisponente certamente lo cambierò. Grazie mille dell'attenzione e dei chiarimenti.A risentirci