anale  
 
Utente 268XXX
Buongiorno. Chiedo consiglio, sono un po' preoccupata.
Ormai da un paio di anni soffro di una "dermatite" recidivante nella zona anale e/o perianale, non hanno saputo farmi una diagnosi precisa. Prima avevano parlato di candida, poi solo di dermatite. Però non ho mai fatto nessuna analisi particolare, tampone ecc.
Avevo provato con successo una cura a base di pevisone mattina e sera per dieci giorni, che poi continuava a scalare per un totale di un mese comprendendo anche l'uso di Micoxolamina come detergente e Placentex pomata come crema ricostruttiva. Naturalmente dopo poco tempo la situazione si è ripresentata...
La dottoressa mi aveva detto di ripetere questa cura con il pevisone, ma prima che potessi iniziare a farlo ho fatto una cura antibiotica prescrittami dal medico di guardia quindi ho deciso di aspettare qualche giorno. Adesso però ho la pelle intorno all'ano davvero molto infiammata e nel pulirmi dopo aver evacuato, o nel semplice grattarmi, lascio molte chiazzette di sangue sulla carta igienica. Non so a questo punto se posso iniziare quella terapia con il pevisone, e il fatto è che il mio medico di base è in ferie e tornerà solo il 10 luglio. Vista la zona, che viene a contatto con le feci, ho paura di prendermi un'infezione da queste piccole escoriazioni, anzi ho paura di aver preso già un'infezione, perchè ogni tanto questi tagliatti sanguinavano un pochino anche in passato e io ho la tendenza a grattarmi perchè mi fa molto prurito. Ho paura e non so come comportarmi...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima, la diagnosi non può mancare: molte sono le ipotesi di una patologia cutanea perianale, che comprendono quadri completamente dissimili tra loro, fra il lichen simplex o neurodermite alla psoriasi inversa ad altre condizioni; tante sono le possibilità non infettive. Pertanto serve la diagnosi dermatologica da ricercare con esattezza
Saluti!
Dott.Laino
[#2] dopo  
Utente 268XXX

Iscritto dal 2012
Il mio medico di base, alla mia richiesta di qualche esame, tampone, coltura ecc. mi ha detto che non saprebbe cosa dirmi, non ci sono analisi da fare... E che non sempre si può risalire a una causa. Quello che mi ha consigliato lei è di fare ciclicamente questa terapia con Pevisone che mi aveva, anche se provvisoriamente, fatto stare un po' meglio. Pure quando sono andata dal dermatologo e mi ha dato un'occhiata al sedere, l'unico suo commento è stato che mi ero grattata parecchio e poi mi ha detto di usare detergenti delicati e di applicare Ceramol crema 311 su tutto il corpo e Rubrosin sulle zone più irritate intorno all'ano... Io non so più a chi rivolgermi.