cure  
 
Utente 454XXX
Caro Dottore o Dottoressa.
Mi sono fratturato il 5 metacarpo giocando con mio fratello. Andano al pronto soccorso mi é stata diagnosticata una frattura composta del V metacarpo. Dopo un'attenta valutazione i dottori hanno optato per l'intervento mettendo un filo metallico per 30 giorni. Il 27/06/2017 sono andato all'ospedale per la rimozione del filo.
Sono passati 2 giorni da quando ho tolto il filo metallico,la stecca 4-5 dito e la fasciatura. A mio dispiacere ho riscontrato una certa rigiditá nel mignolo che non riesco a flettere per stringere il pugno. Ogni volta che provo a flettere fa male e la parte é gonfia a dolorante. Io appena tolto la fasciatura il filo ecc il giorno dopo sono partito per un viaggio. Leggendo ho capito che la kinesiterapia sarebbe il miglior modo per risolvere il problema. Quindi la mia domanda é appunto come svolgere da solo la kinesiterapia dato che non saprei cosa é ( é la mia prima frattura ).?
E vorrei sapere se corro dei rischi nel svolgerla da solo.
Tenendo la mano sciolta senza cercare di sforzarla non mi fa male.
Grazie infinite in anticipo
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
16% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2017
Buonasera,
è fondamentale associare alla chirurgia la riabilitazione post-operatoria.
Quindi le consiglio di recarsi da un fisioterapista dedicato che la possa seguire per la mobilizzazione del dito e della mano.
E' molto importante infatti scongiurare il rischio di rigidità che possono insorgere se non si attuano gli esercizi corretti; la fisioterapia comprende esercizi passivi, attivi e assistiti senza dolore, associati a crioterapia (ghiaccio) ed eventualmente alcune cure fisiche (come ultrasuoni), che aiutino a diminuire l'edema (il gonfiore). Se per ora le è impossibile recarsi da un fisioterapista inizi a muovere il dito aiutandosi anche con l'altra mano più volte al giorno e al termine applichi il ghiaccio-non a contatto diretto-per 10-15 minuti. Non forzi il movimento oltre la soglia del dolore. La ripresa dell'escursione articolare (flessione ed estensione) deve avvenire in modo graduale e costante.
Ci faccia sapere.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
Cara Dottoressa
La ringrazio per la dettagliata e immediata risposta. Cercherò di recarmi il prima possibile presso un fisioterapista per cominciare il percorso di riabilitazione.
Ancora grazie infinite.
Cordiali saluti