hiv  
 
Utente 454XXX
Salve,
spero che qualcuno mi possa aiutare e anche confortare (senza nascondermi la verità) essendo un tipo molto ansioso.
Il 18 febbraio ho avuto un rapporto non protetto vista la fiducia con la ragazza, il 5/6 Aprile ho avuto un rapporto anale non protetto con eiaculazione con uno sconosciuto, una decina di giorni dopo sesso orale ricettivo non protetto con eiaculazione sul viso (piccola parte anche negli occhi) quest'ultimo sempre per la stessa pratica (ma eiaculazione in bocca) l'ho incontrato con una frequenza di +/- 2 settimane, il 16 Giugno ho fatto sesso anale ricettivo inizialmente protetto per un pò non protetto ma senza eiaculazione, 3 giorni dopo di questo evento ho avuto mal di gola, linfonodi ingrossati, sudorazione notturna, dolori muscolari e febbre ho immediatamente sotto consiglio del medico preso ibuprofene due volte al giorno per 5 giorni e l'antibiotico per 1 settimana (claritromicina) i sintomi si sono attenuati negli ultimi 3 giorni di cura antibiotica ma appena smessa sono tornati la maggior parte dei sintomi.
Venerdì 30 ho fatto gli esami hiv e per la maggior parte delle mst comuni, Il test quello rapido è stato negativo perciò spero escluda abbastanza con certezza il rapporto del 18 febbraio e magari anche 5/6 Aprile. Gli altri risultati li ritirerò venerdì (e a me sembra un'eternità). Poco fà l'amico con cui ho praticato spesso sesso orale mi ha detto di aver avuto gonorrea o clamidia poco dopo o poco prima avermi incontrato o addirittura nel frattempo, non si ricorda bene.
Alla luce di tutto ciò per quanto riguarda l'eiaculazione sull'occhio c'è probabilità che mi abbia contagiato l'hiv o sarebbe probabilmente uscito nel test rapido?
il rapporto avuto 16 senza eiaculazione è possibile che i sintomi siano per l'hiv presenti prima delle due settimane? e prima dei 4 giorni?
Ho letto su internet che la gonorrea si potrebbe contagiare anche per via orale, è possibile che nonostante la settimana con due dosi di claritromicina da 500mg non l'abbiano fatta sparire?

Ringrazio chiunque mi possa aiutare ho sofferto di depressione in passato e stò avendo pensieri brutti, incubi e paralisi notturne nuovamente, sono riuscito a rialzarmi e non voglio che questa situazione mi butti giù nuovamente.
Grazie Mille
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
lei ha avuto, da quanto lascia capire, una penetrazione anale da uno sconosciuto con eiaculazione intra rettale e ha praticato una fellatio con eiaculazione orale sempre ignorando lo stato sierologico del partner.
Io mi preoccuparei di questi eventi, che sono ad altissimo rischio piuttosto che dello schizzo nell'occhio.
Inoltre non ci dice l'ultimo rapporto a rischio (non protetto) quando è avvenuto.
Se 40gg fa o di più può già fare il test HIV di IV generazione e considerare il risultato definitivo.
Può anche fare il test di screening per la Lue (VDRL/TPHA).
La Gonorrea non è un grosso problema perchè è stato trattato con un macrolide, anche se prima di ogni trattamento è buona norma eseguire dei tamponi uretrali o una spermiocoltura per verificare anche le possibili infezioni da patogeni intracellulari genito - urinari.
Al fine di non decapitare le infezioni e cronicizzarle.
Il consiglio più adatto alla sua situazione è quello di rivolgersi ad un centro per MST dove i Colleghi potranno gestirla sia clinicamente sia da un punto di vista immunosierologico facendole eseguire i test giusti ai tempi giusti.
Nel frattempo consideri di usare il profilattico, che è un presidio salvavita e di imporlo a chi faccia con lei sesso omosessuale.
Diversamente si esporrà continuamente al rischio di MST e la sua salute mentale non potrà che risentine sfavorevolmente.
Buona domenica,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
Grazie della risposta,
per quanto riguarda il rapporto anale con eiaculazione intrarettale i suoi colleghi mi hanno rassicurato dicedomi che comunque essendo trascorse le 12 settimane sarebbe dovuto risultare con l'ELISA, la confusione mi è rimasta per quanto riguarda gli eventi dopo cioè le eiaculazioni in bocca riguardanti le fellatio senza deglutizione e il rapporto anale non completo del 16 Giugno, la dott.ssa mi disse che dopo 4 giorni non ricollegherebbe i sintomi di un'eventuale contagio a quest'ultimo rapporto in quanto il tempo è troppo breve ma comunque io a distanza di due settimane ho ancora sintomi, è possibile che prima abbia avuto una normale influenza che poi è continuata come contagio?
La ringrazio nuovamente
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
se vogliamo capirci bene, lei mi deve dire quando ha avuto l'ultimo rapporto occasionale non protetto e di che tipo.
Se vuole ovviamente.
Perchè io tra rapporti anali e rapporti orali reiterati non riesco a capirci nulla.
Così le potrò rispondere puntualmente.
In quanto al rapporto anale con eiaculazione del 5/6 aprile, se sono passate 12 sett. e ha fatto un test HIV I-II di IV generazione negativo, da quel rapporto l'HIV non l'ha preso.
Dagli altri rapporti non lo so.
Buona serata.
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
Salve ha ragione
Il 16 giugno penetrazione anale senza eiaculazione e 4 giorni dopo ho iniziato ad avere febbre e linfonodi ingrossati
Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
dal 16 giugno conti 40 gg e poi faccia un test HIV I-II di IV generazione da considerare definitivo, se ovviamente decide di non reiterare nella sua condotta sessuale a rischio.
Sempre a 40 gg potrà fare un test di screening per la sifilide (VDRL/TPHA).
A seguire tutti i test per le MST ai tempi opportuni.
Se è seguito da Colleghi di un centro MST si affidi pure a loro.
Resta che, scusi la ridondanza, se lei non ha intenzione di fare sesso sicuro ( o safe sex come si dice) si farà carico scientemente di rischi più o meno gravi.
Sarà una sua scelta è come tale andrà rispettata.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 454XXX

Iscritto dal 2017
No no non ho intenzione di rifarlo stavolta sono stato abbastanza spaventato e mi sono informato meglio su come effettivamente può avvenire un contagio.
Grazie della pazienza
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Scusi cosa non vuol fare?