Utente 272XXX
Gentili dottori, ho un problema che mi si verifica solo in condizioni di forte stress emotivo e fisico: suono uno strumento e durante un concerto mi è successo di avvertire un formicolio che ha iniziato ad espandersi gradualmente in entrambe le mani e le braccia, fino a irrigidirmi così tanto che ho dovuto interrompere. Dopo 5 minuti che ho finito è passato tutto e la circolazione è tornata normale. Recentemente stava per ricapitare anche se con meno intensità. Durante l'esibizione cercavo di rilassare i muscoli pensando che fosse un problema di circolazione, ma non accennava a migliorare, possibile che fosse iperventilazione?
[#1] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
8% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Buongiorno,
lo stress psico-fisico a cui sono sottoposti i musicisti non è da sottovalutare, in particolare durante i periodi di concerti. Inoltre vi sono una serie di fattori che possono concorrere allo sviluppo del problema. Che strumento suona?
Saluti
[#2] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la rapida risposta, suono la chitarra classica. Aggiungo che spesso ho la tendenza ad avere le mani fredde mentre suono (a meno che non faccia molto caldo) e sento di avere una respirazione accelerata mentre suono.
[#3] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
8% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Come ben saprà sono necessari esercizi di riscaldamento e di corretta postura non solo degli arti superiori, ma di tutto il corpo. La chitarra infatti è uno strumento che solo apparentemente risulta di facile approccio: necessità in realtà di grande attenzione e controllo su entrambi gli arti superiori che sono impostati, per esigenze dello strumento, in maniera asimmetrica.
E' necessario capire l'approccio che ha con il suo strumento: per questo motivo la visita specialistica ad un musicista comprende oltre alla valutazione "standard", una seconda fase in cui si rivaluta il paziente durante l'esecuzione con il proprio strumento. Ogni strumento presenta infatti delle caratteristiche specifiche che devono essere poste in relazione con il paziente che lo suona.
Ci tenga aggiornati,
saluti
[#4] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Grazie, cercherò di fissare il prima possibile una visita. Dato che però ho un concerto a breve provo a chiederle, le è mai capitato un caso del genere? Pensa che ci sia qualche comportamento che può portare un blocco totale delle mani di questo genere o qualche indicazione generale da seguire oltre al riscaldamento?
[#5] dopo  
Dr.ssa Marina Faccio
24% attività
8% attualità
0% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2017
Buonasera,
sicuramente la componente emotiva gioca un ruolo importante, ma ci potrebbero essere altri fattori che le provocano questi fastidi, valutabili solamente attraverso una visita specialistica. Oltre al riscaldamento sono importanti gli esercizi di respirazione, che non riguardano solo gli strumenti a fiato ma tutti i musicisti. Una buona respirazione, che comprende la fase inspiratoria dove a lavorare maggiormente è il diaframma e la fase espiratoria, dove invece i muscoli trasversi dell'addome dominano, è fondamentale per una buona circolazione sanguigna, per un buon ritmo cardiaco, per controllare lo stress, per irrorare meglio il cervello... Quindi le consiglio degli esercizi specifici di respirazione posturale che possano aiutarla, tra le altre cose, anche nel controllo dello stress psico-fisico.
Ci tenga aggiornati e buon concerto!