Utente 919XXX
Salve,
vorrei chiedere un parere per quel che riguarda la mia colecisti. Nel 2005 ho avuto una colica biliare, probabilmente a causa di un pranzo grasso, e mi hanno riscontrato dei calcoli. Per sicurezza, sono andata da uno specialista che mi ha detto che non ho calcoli ma un piccolo nodulo di 4 mm di colecistosi parietale a livello del corpo colecistico.
Quest'anno ho ripetuto l'ecografia e sono stati rilevati 3 piccoli adenomiomi di diametro intorno ai tre mm adesi alle pareti.
Il mio medico curante mi ha consigliato di operarmi data la giovane età. Cosa è meglio? E soprattutto come si effettua l'operazione? In attesa di una risposta, Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
L'intervento di colecistectomia, oggi quasi ovunque effettuato per via laparoscopica, prevede la rimozione appunto della colecisti completa. Si effettuano quattro piccoli tagli (alcuni minori di un centimetro) sulla parete addominale. Mediante un "laparoscopio" (strumento ottico che consente il collegamento ad una telecamera esterna la quale rimanda l'immagine su di un monitor) e alcuni speciali "ferri" chirurgici, la colecisti viene isolata dalle connessioni funzionali e vascolari e quindi estratta dal'addome. L'anestesia richiesta e' necessariamente quella generale, la degenza dei pazienti giovani quasi sempre non supera le 24 ore.
E' necessario comunque che lei effettui preventivamente una visita chirurgica, al fine di stabilire le indicazioni all'intervento stesso, e di essere informata sui possibili benefici cosi' come sui rischi e le complicanze che esso comporta.
Cordiali saluti