Utente 455XXX
Salve a tutti! Una decina di giorni fa in seguito ad una caduta, ho avvertito per tutta la notte un leggero e sopportabile dolore al polso. La mattina dopo l'accaduto decido comunque di recarmi al pronto soccorso per un accertamento dei danni provocati dalla caduta. La diagnosi ha rilevato un infrazione dello scafoide carpale dx, specificando testuali parole: "Non rime di frattura ossea, In proiezione obliqua piccola irregolarità infrattiva corticale scafoidea dorsale, regolari i rapporti arrticolari". La prognosi che mi ha assegnato il medico è di 30gg con un tutore apposito che copre il polso ed il pollice (non tutto il braccio), il medico inoltre mi ha detto che il gesso sarebbe stato eccessivo per questo caso. Cercando su internet ho letto però che le fratture allo scafoide sono molto difficili da guarire con il gesso, quindi sono preoccupato dal fatto che il tutore sia totalmente inutile. Voi cosa ne pensate? Un ultima mia preoccupazione è che ieri facendomi la doccia decisi di togliere il tutore, secondo voi potrei aver causato danni e che quindi la frattura potrebbe calcificarsi male? Grazie in anticipo per le risposte che riceverò.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile amico,

alla sua età, una semplice infrazione guarisce senza problemi: importante è tenere completamente fermo il polso (tutore) e evitare la rotazione dell'avambraccio (prono-supinazione).

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 455XXX

Iscritto dal 2017
Grazie mille per le sue rassicuranti parole! Ultima cosa, è normale che dopo 12 giorni di tutore sento dei leggeri dolori all'avambraccio e nella parte sinistra del palmo (sotto il pollice)?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Potrebbe esserci una pressione localizzata in quei punti da parte del tutore.