Utente 919XXX
La scorsa settimana ho eseguito un ECD TSA con il seguente referto.
L'esame ECD odierno evidenzia una buona pervietà delle carotidi comuni e delle
biforcazioni carotidee, in assenza di alterazioni morfologiche, anche se si segnala la presenza di ispessimenti fibrocalcifici coinvolgenti a manicotto le carotidi comuni.
Destra: la carotide interna presenta diffusi ispessimenti fibrocalcifici, di alcun significato emodinamico.
Sinistra alcuni ispessimenti fibrocalcifici, senza comunque accelerazioni del flusso.
Vertebrali pervie e cerebroafferenti, succlavie con flussi trifasici, privi di segni di stenosi.
Conclusioni: ateromasia dei TSA, senza attuali indicazioni chirurgiche.

Ho 54 anni, non ho mai fumato, non bevo se non una birra con la pizza o un
bicchiere di vino al pranzo ogni tanto. Non mangio carne in quanto sono vegetariano, cammino molto in montagna ad alta quota, ho giocato a calcio.
Non mangio dolci.
Nel 2005 esami del sangue tutti OK.

La mia domanda è: devo preoccuparmi ?
Che cosa posso fare? il processo di ispessimento è irreversibile ?
L'ispessimento aumenterà col passare del tempo?
Esite qualche farmaco che arresta l'ispessimento o lo regredisce ?

Grazie e saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, l'ispessimento riscontrato alle sue arterie fa parte del normale e fisiologico invecchiamento della parete arteriosa. Il suo esame è comune a gran parte di tutte le persone prive di rischio cardiovascolari, perciò non abbia alcun timore, lo stato delle sue arterie è buono e non necessità allo stato di alcun tipo di trattamento farmacologico.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 919XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la sua celere risposta, ma non esiste oggi
proprio nessuna terapia che possa contenere l'ispessimento
carotideo ?
Grazie ancora e saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la sua situazione è tale da non richiedere un intervento terapeutico, anche perchè lei non presenta particolari fattori di rischio tali da giustificare l'assunzione di farmaci, che invece presentano spesso effetti collaterali ed indesiderati.
Per sua informazione esistono ovviamente farmaci utilizzati quando le condizioni diventano patologiche, come gli antiaggreganti piastrinici e gli ipolipidemizzanti, ma non è questo,ribadisco, il suo caso.
Saluti