colon  
 
Utente 455XXX
Salve! È ormai una settimana che presento problemi di defecazione. Mi colpisce una sorta di stitichezza: riesco ad andare in bagno solo al mattino e le feci hanno un aspetto simile alla diarrea, non sono affatto abbondanti (la "quantità" è davvero minima) e c'è anche una lieve presenza di muco il tutto accompagnato da brontolii sporadici, lievi fitte addominali (a seconda dei momenti, colpiscono la zona inguinale, il fianco, la parte alta dell'addome e la schiena) e molta aria. Ieri per la prima volta "l'espulsione dei gas" ha portato con sé del muco gelatinoso bianco/giallognolo. Voglio specificare che questo accade in contemporanea ad un periodo di forte ansia, poiché ho notato la presenza di due linfonodi mobili (accade come un click, uno scatto quando li tocco) sottomandibolari sul lato destro e credo che raggiungano il centimetro (senza sintomi preoccupanti quali febbre, prurito, sudorazione..) che comunque mi intimoriscono facendomi pensare al peggio, ossia ad un tumore. Credete possa aver a che fare con questo stato d'ansia e che possa essere riconducibile al colon irritabile? Inoltre, mi vedo leggermente dimagrita e sento la parte inferiore delle gambe molto appesantita e i piedi sono freddi, credete che anche questo sia a causa dello stress? In realtà, non so neanche se è una perdita di peso avvenuta in questa settimana. A causa del caldo, la mia fame è diminuita e il sudare, ovviamente, si è intensificato. So che non rientra fra i sintomi del colon irritabile, ma mi sento psicologicamente molto abbattuta, quando ci penso in maniera persistente ho addirittura delle crisi di pianto. Il mio terrore è quello di poter essere malata a soli diciassette anni di un qualcosa di molto grave, come il tumore (leucemia...).
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signorina,
lei è minorenne e non potrebbe ricevere risposte su questo sito nè avere un account.
Mi pare comunque che lei farebbe bene a parlare con i suoi genitori perchè la facciano vedere da uno specialista dell'ansia, che mi pare la sua unica, vera e seria malattia.
Alla sua età pensare a un tumore o ad una leucemia capisce che non è che sia proprio fisiologico.
Lei di organico non ha nulla: si faccia curare le sue ossessiooni che è costituiscono una malattia come tutte le altre.
Buona domenica e cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 455XXX

Iscritto dal 2017
Io capisco ciò che intende, ma lo scopo del consulto era un altro. Ero pienamente consapevole di avere dei problemi con l'ansia, il mio dubbio era se tutto ciò fosse normale o meno e la sua risposta è stata chiara... Grazie ancora