Utente 115XXX
Salve. Lo scorso anno mi sono infortunto al ginocchio giocando a basket. Il giorno dopo l'infortunio sono andato al pronto soccorso dove sospettavano rottura del crociato e mi hanno fatto la richiesta per una RM. Sono andato dal mio medico di base con la carta del pronto soccorso e mi ha fatto l''impegnativa per la risonanza, la quale ha dato l'esito previsto: rottura del crociato anteriore.
Sono andato a fare una visita specialistica (IN PRIVATO) da un ortopedico in una struttura privata che mi ha proposto un intervento di ricostruzione con tendine rotuleo autologo. Io ero d'accordo e quest'anno a marzo mi sono operato. Dopo 50 giorni ho fatto la prima visita di controllo (sempre in PRIVATO) nella stessa struttura della prima visita (con lo stesso ortopedico che mi ha operato ovviamente). L'ortopedico dopo aver fatto i controlli del caso mi ha fatto una carta con scritto di programmare RM per controllo finale al sesto mese post-operatorio.
Sono andato dal mio medico di base con questa carta dell'ortopedico per farmi fare l'impegnativa per la RM. Ho dato questa carta all'infermiera del mio medico (senza entrare) ed ho atteso. L'infermiera è tornata da me e mi ha detto che avendo io fatto la visita specialistica in una struttura privata e non in un ospedale, la dottoressa non può farmi l'impegnativa per la RM. Mi ha giustificato il tutto con "non posso fartela per la nuova legge che c'è da quest'anno... il decreto del ministro Lorenzin". Io dal nervoso me ne sono andato.

Ora Vi chiedo: è veramente così? Se ho fatto la visita dall'ortopedico in una struttura privata, il medico non può farmi impegnative per esami diagnostici su richieste dell'ortopedico?

Attendo una vostra risposta. Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
No, non è assolutamente cosi! Il Medico di famiglia è obbligato a richiedere esami od indagini radiologiche quando vengono prescritti da Specialisti anche in regime privato, purchè sulla richiesta dello Specialista ci sia la motivazione della richiesta. Per giustificare la richiesta in caso di controllo dalla Asl, il Medico di famiglia si terrà la copia della richiesta specialistica, con tanto di nome e cognome dello Specialista e motivazione della richiesta dell'accertamento. In caso contrario, si dovrà fare segnalazione alla Asl di competenza.
Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 115XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dottore per la sua risposta.

Nel post mi ero scordato un particolare. L'operazione è stata fatta in una casa di cura privata e non in una struttura ospedaliera. La casa di cura in questione non si trova nella stessa regione della mia residenza, bensì in una regione confinante. Tant'è vero che il mio medico mi ha parlato di una "legge regionale" che gli impedirebbe di rilasciarmi l'impegnativa di cui avevo bisogno proprio perché l'intervento è stato fatto in una struttura privata e pure fuori regione Questo fattore può giustificare la risposta del mio medico?
[#3] dopo  
Dr. Raffaello Brunori
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Assolutamente no. Ogni cittadino è libero di farsi curare da Medici ed in Strutture private e pubbliche, in qualsiasi Regione
[#4] dopo  
Utente 115XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio Dottore per il suo tempo e le Sue risposte. Cambierò immediatamente il mio medico di base. Questo suo comportamento si somma a tanti altri scorretti che ha avuto nei miei confronti in passato. Questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
RinnovandoLe i miei ringraziamenti, Le porgo Cordiali Saluti.