nervo  
 
Utente 156XXX
Buongiorno. Sono affetta da uno schwannoma di 6 centimetri al nervo plantare mediale (si spera benigno, la valutazione istologica verrà fatta dopo l'asportazione dello stesso) e devo sottopormi ad intervento chirurgico. Ho alcuni dubbi in merito e desidero avere Vs. gentili chiarimenti:
Il chirurgo sostiene che durante l'intervento dovrà forse tagliare o asportare il nervo ed io mi chiedo se è davvero necessario e quali sono le conseguenze. Qual'è la funzione del nervo plantare mediale? La sua asportazione mi causerà dolore cronico? Avrò difficoltà nel camminare? Ci saranno limitazioni causate dall'assenza del nervo? Dopo quanto tempo dall'intervento potrò camminare?
Spero vogliate cortesemente rispondermi e ringrazio di cuore.
[#1] dopo  
Dr. Andrea Angelini
24% attività
16% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Lo Schwannoma è un tumore che origina dalla guaina nervosa e spesso l'asportazione prevede la sezione del ramo nervoso. Ci sono eccezioni in cui si può provare a risparmiare parte della struttura nervosa, che implica tuttavia un maggior rischio di recidiva locale.
Il nervo plantare mediale, uno dei rami terminali del nervo tibiale posteriore è deputato all'innervazione sensitiva di buona parte della pianta del piede. Per quanto riguarda l'innervazione motoria, controlla i muscoli abduttore dell'alluce, flessore breve delle dita e flessore breve dell'alluce. Ciò significa che può esitare un deficit di tali aree, ma tendenzialmente corrispondono alle regioni dove dovrebbe avvertire dei sintomi.
L'asportazione comporta la scomparsa dell'attuale dolore, ma può ripresentarsi un dolore (di solito diverso) se comparsa di una "cicatrice" sul moncone del nervo chiamato neuroma.
La deambulazione di solito è possibile dopo circa 30 giorni con progressivo abbandono degli ausili.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr. Angelini, la ringrazio per l'esaudiente risposta, non ho null'altro da chiederle dato che ho ricevuto tutte le informazioni a me necessarie. Cordialità.