Utente 456XXX
Salve,
Ciò di cui avrei bisogno è di una spiegazione riguardo alla relazione di una RM del cervello e del tronco encefalico effettuata con e senza contrasto.
"Esame RM encefalo eseguito a basso campi (0,35 T) con tecnica T1 sul piano assiale e sagittale FLAIR sul piano coronale e sagittale, T2 sul piano assiale, integrato dopo la somministrazione di mdc ev con sequenze T1 sui tre piani ortogonali dello spazio.
Non apprezzabili definite alterazioni del segnale a carico del tessuto nervoso.
Normale ampiezza degli spazi loquorali subaracnoidei periencefalici.
Normodimensionato il sistema ventricolare sotto e sopratententoriale.
Lo studio FIESTA 3D mostra libere le cisterne dell'angolo-cerebellare a destra, non chiaramente apprezzabile il segnale in corrispondenza della porzione intermedia del canale semicircolare laterale di sinistra, dubbio se per cause artefattuali. Stasi fluida oto-mastoidea bilaterale. Utile RM su apparecchio ad alto campo se di necessità secondo giudizio clinico.
Dopo la somministrazione di mdc ev, non si apprezzano definite aree di patologica impregnazione."

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Casimiro Simonetti
32% attività
20% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2016
Gentile Utente,
ha scordato di scriverci la cosa più importante: per quale motivo ha eseguito l'esame RM?

Comunque, ed in ogni caso,...tradotto dal "Medichese" in corrente linguaggio italiano: non ha assolutamente nulla di rilevabile alla indagine RM. Soprattutto per quanto riguarda l'encefalo.
L'unico dato (reperto assolutamente occasionale) è una condizione di otomastoidite cronica.
Concordo con il suggerimento formulato dal Collega refertante sulla opportunità di eseguire gli studi Neurologici, e dell'encefalo in particolare, esclusivamente in apparecchiatura ad alto campo magnetico.
Mi chiedo tuttavia come mai si sia deciso di eseguire la Sua indagine in una apparecchiatura idonea tutt'al più per una corretta valutazione dell'apparato muscoloscheletrico.