Utente 825XXX
Buonasera,Vi riscrivo per un consulto,vengo subito al dunque come gia' anticipato dal Dott. Martino i miei problemi principali erano dovuti allo stomaco infatti ho effettuato una settimana fa una gastroscopia e mi e' stata diagnosticata un'ernia iatale di medio-grande volume.Il punto e' che da 5/6 gg ormai soprattutto di mattina e pomeriggio mi batte la bocca dello stomaco scalcia e un vuoto d'aria nello stesso tempo nella gola,pensando si trattasse di ernia non gli ho dato peso ma siccome sta continuando da piu' gg e comunque sto facendo la cura con pantopan 40,motilex prima dei pasti e gaviscon dopo i pasti ho iniziato ad avere dei dubbi cosi quando mi capita mi tengo il polso e non lo sento per 1/2 secondi per poi riprendere abbastanza accellerato questo si verifica per 4/5 ore consecutive ad intervalli di circa un minuto soprattutto di pomeriggio.Concludo con il dire che ho effettuato un eco un mese fa tutto ok,ma non avevo questi disturbi ed inoltre non mi porta altro se non un piccolo senso di sbandamento.Puo' essere effettivamente l'ernia a causare questo fastidio? Grazie per la Vostra attenzione Alessandro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'ernia iatale è una alterazione anatomica che facilmente si accompagna a reflusso gastrico e all'insorgenza di extrasistoli (battiti anomali), che quando risultano ripetitive possono dar luogo alla sintomatologia da lei indicata. In tal caso è utile sottoporsi ad un Holter ECG, per comprenderne l'esatta natura (sopraventricolare-ventricolare) e così decidere per una eventuale, se necessaria, terapia farmacologica.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 825XXX

Iscritto dal 2008
ma e' necessario farlo subito? puo' essere qualcosa di pericoloso? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Essendo la sua sintomatologia correlata ai pasti, escludo la possibilità di eventi aritmici pericolosi, l'esame da me consigliato va effettuato non necessariamente subito, sarebbe opportuno farlo però al più presto solo ed esclusivamente per sua tranquillizzazione.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 825XXX

Iscritto dal 2008
Grazie gentilissimo,comunque per precauzione mi sono recato al P.S. dove dopo una breve ispezione alle spalle con strumento,pressione 110/70,uno stick test(84)e 2 ecg il responso e' stato di 14 extrasistole ventricolari e mi hanno rimandato a casa. non so se dalle mie parti abbiamo la possibilita' di effettuare un holter perche' al P.S. mi hanno detto che da loro non era possibile eventualmente c'e' qualche altra strada e questi 14 exstrasistoli in soli 2 ecg sono preoccupanti?
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, i dati numerici vanno analizzati in un contesto clinico, per tale motivo è utile effettuare un Holter ECG in quanto non è solo importante il n. di extrasistoli ma anche saper quanto e come si manifestano (isolate, a coppie, in ritmi organizzati ecc..)nel corso di una giornata (la registrazione di pochi secondi spesso non dà informazioni cliniche utili).
Non penso poi che sia particolarmente complicato effettuare un Holter, se nelle strutture pubbliche la lista d'attesa è troppolunga, si rivolga ad una struttura privata accreditata, di certo nelle sue zone non mancheranno.
Saluti
[#6] dopo  
Utente 825XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera,ho seguito il consiglio infatti privatamente da un cardiologo ho fatto l'holter aspetto il responso martedi prossimo poi vi posso aggiornare e chiedere un ulteriore consiglio?
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Ci faccia sapere i dati, le daremo sicuramente consigli in merito. Saluti
[#8] dopo  
Utente 825XXX

Iscritto dal 2008
ora d'inizio ore 20:00

frequenza:
media 84
minima (4 battiti): 48 alle 6:20
massima (4 battiti): 130 alle 16:26
minima oraria: 62 alle 6:20
massima oraria: 108 alle 16:00
battiti tot. 117293
minuti analizzati 1425

ectopie venticolari:
ve totali 0
coppie totali 0
run-V totali 0
ve per 1000 0

ectopia sopraventricolare:
sve totali:0
run-sv totali 1
sve per 1000: 0
fc max run-sv 151 bpm alle 15:22
run-sv piu' lungo 3 battiti alle 15:22
battiti aberranti:2473

segmento st:
can. 1 minuti ischemici 0
can. 2 minuti ischmici 0
can. 3 minuti ischemici 0
nessun episodio ischemico
nessun munito ischemico

variabilita' r-r
sdnn:146
indice sdann:139
indice isdnn:51
rmssd:32
pnn50:10

conduzione e qt:
pause > 2.5 secondi 0
pausa piu' lunga: -------
intervallo qt piu' lungo 447 ms (can.3)
intervallo qt corretto 443 ms
intervallo qt piu' lungo alle 05:42 fc 59bpm

secondo il Dott. non c'e' niente di rilevante e che posso stare tranquillo perche' sto bene per quel run non mi ha dato spiegazioni se non qualcosa di vago,secondo Voi come e' l'holter?




[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Fondamentalmente non si evidenzia nulla di patologico. Il n.delle extrasistoli rilevate è minimo e non va trattato.
Segua pure le indicazioni del collega.
Saluti
[#10] dopo  
Utente 825XXX

Iscritto dal 2008
buonasera scusate se mi permetto di chiedere quasi sicuramente una stupidagine ma sono circa 4/5 gg che non avverto piu' le extrasistole o comunque non mi batte piu' lo stomaco volevo chiedere e' possibile avere le extra cosi' di punto in bianco per 10/15 gg e poi come per incanto senza nessuna terapia piu' niente?
[#11] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, purtroppo deve saper che a seguito della sua ernia iatale, la parete dello stomaco è in diretta contiguità con il cuore. A seguito quindi di un reflusso con stato infiammatorio della parete o per un'eccessiva dilatazione dello stomaco (ad es. per l'ingestione di bevande gassate o lauti pasti) ciò anche se di breve durata può riflettersi tramite irritazione nervosa alle pareti cardiache determinando quella fugace ma fastidiosa sensazione di cardiopalmo. E' una condizione molto comune alle persone che presentano la sua stessa condizione, e che a lungo andare si adeguano a questa "indesiderata" convivenza.
Saluti
[#12] dopo  
Utente 825XXX

Iscritto dal 2008
Veramente grazie,molto ma molto chiaro ed esauriente!! ok ci faro' l'abitudine e nel frattempo cerchero' di stare un po' piu' attento al cibo ed al fumo