feci  
 
Utente 441XXX

Dopo una settimana di antibiotici (amoxicillina) causa pulpite ho iniziato ad avere diarrea molto acquosa che purtroppo mi sta già compromettendo i miei fastidi intestinali, ho addome gonfio e vado acqua tre volte al giorno.
Se bevo molto le feci divengono ancora più liquide.

Stamattina sono andato al laboratorio dopo tre giorni da cessata terapia antibiotica per la ricerca del Clostridium e le feci sono liquidissime e ne ho raccolto circa 30 ml a casa prima di partire.
Non vorrei che questo incidesse negativamente sulla possibilità di eseguire in laboratorio l' esame visto che indicano di consegnare "una noce" di feci (quindi feci più solide).

GRAZIE!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
se ha le feci liquide non ne potrà mai consegnare una noce.
Potrà consegnare le feci diarroiche, magari fresche di emissione, che verranno utilizzate per la coprocultura.
Intanto dopo aver consegnato le suddette feci, inizi a prendere un buon probiotico ad alte dosi, così da ricostituire il microbiota che se scompaginato dall'antibiotico, può essere causa della diarrea senza che lei necessariamente abbia una colite pseudomembranosa.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
441675

dal 2017
Perfetto!
Siccome stamattina ho chiamato il laboratorio e ho fatto aggiungere con pagamento posticipato la ricerca della Yersinia secondo Lei va bene 1/4 del contenitore riempito con feci liquide (circa 20 - 30 ml) ?
Al laboratorio mi hanno detto che per le colture serve pochissimo materiale.

Il fatto strano che le feci forse perche ieri avevo bevuto moltissimo erano paragonabili alla consistenza dell' acqua (sembrava una lavatura dell' intestino!).

Adesso il medico mi ha impostato una terapia con enterogermina e diosmectite che già va meglio.

A parte il problema di ora connesso con l' antibiotico e non vorrei approfittarmi adesso che il titolo della domanda è tutt' altro, ma ho biusognio di un aiuto e so che Lei è molto esperto visto le Sue tante risposte su medicitalia:
sono anni che presento sintomi di stanchezza cronica e intestino irritabile per il quale devo fare colonscopia che rimando a causa della mia ansia.
Sempre da tempo ho un forte odore morbido e dolciastro che non riesco a descrivere.
In pratica è una via di mezzo tra quello di un dolce estratto da un forno e l' odore tipico di una stalla, quindi non proprio di feci ma quello che emana un animale.
Alle volte mi fa venire in mente la vaniglia ed è una via di mezzo tra un cattivo odore ed un buon odore con note dolciastre e ovattate.
Si sprigiona in maniera fortissima dal mio corpo se sudo in concomitanza ad attività fisica ed è talmente forte che mi crea imbarazzo.
Ho cambiato detersivo per i panni, docciaschiuma, ma niente, se fa caldo e sudo specialmente dopo uno sforzo fisico l' odore è fortissimo.

Mi saprebbe dire da cosa può dipendere?

http://www.medicitalia.it/consulti/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/575788-forte-odore-stalla-sudorazione-correlazione-intestino-altre.html

GRAZIE IN ANTICIPO

CORDIALMENTE!