polso  
 
Utente 450XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni ed ho una vita piuttosto sedentaria senza sforzi particolari. È da una decina di giorni che ho un dolore al polso destro intermittente. A volte non riesco a fletterlo verso l'esterno, a volte verso l'interno, a volte nessuna delle due cose mentre in altri momenti riesco a muovermi tranquillamente. Non mi crea comunque nessuna difficoltà nello svolgimento delle normali attività. E il passaggio dai momenti di dolore a quelli di totale assenza e viceversa può avvenire anche nell'arco di pochi minuti.
Stamattina è comparso un altro sintomi che potrebbe essere correlato o forse no, fatto sta che è sempre nella mano destra: ho avuto tutto il giorno un senso di intorpidimento che se nella mano è andato migliorando è rimasto sui polpastrelli delle dita (più forte in anulare e mignolo, più leggero nelle altre). All'inizio era estremamente fastidioso tanto che l'alterata sensibilità mi creava molto fastidio nel toccare vari oggetti (come se li percepissi molto ruvidi) ora è migliorato molto tanto che se non ci penso quasi neppure me ne accorgo, ma se ci presto attenzione (e purtroppo quando mi preoccupo di un sintomo non penso ad altro) è molto fastidioso.
Questo disagio alle dita potrebbe essere collegato al disturbo al polso?
E le due cose da cosa potrebbero essere causate ed eventualmente come rimediarvi? Le mie normali attività non sono compromesse ma mia crea un certo disagio forse più psicologico (per l' apprensione) che fisico. Grazie dell' attenzione!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

no, il formicolio (parestesie) delle dita non è correlato con il dolore nei movimenti di flesso-estensione del polso.

Solo una visita specialistica potrebbe però darle chiarimenti ulteriori circa le possibili cause dei due sintomi:

http://www.sicm.it/it/chirurghi-e-professionisti/i-soci/mappa-soci-sicm.html

Buona giornata.