Utente 421XXX
Egregi Dottori,

il mese scorso ho avuto un rapporto sessuale protetto con una mia amica, a seguito di ciò ho iniziato ad avere paura per malattie varie ed eventuali dato che mi trovo abbastanza inesperto in questo campo. Il mio timore più grande è di aver preso qualche malattia come HBV, HCV, HIV ecc..
Il rapporto è avvenuto in modo protetto, però ci sono stati profondi baci ed ho effettuato anche una penetrazione con il dito all'interno della vagina, dito che ho notato poi avere una pellicina sollevata ed era presente un filo di sangue, ma suppongo secco (quindi presumo che non fosse aperta la ferita, ma se non lo fosse stato?).
A seguito di ciò mi sono confidato con lei e mi ha detto di stare tranquillo e che non devo temere di nulla dato che lei non ha avuto mai problemi di questo tipo. Posso stare tranquillo? Una ferita da pellicina può risultare tale da essere un varco per virus del genere?
Chiedo scusa in anticipo e vi ringrazio.

EDIT: Il motivo per il quale mi è venuto in mente ciò è il fatto che mi siano spuntate due bollicine sulla lingua e le prime correlazioni che sono sorte online, dopo aver cercato qualche soluzione artigianale per farle passare, sono malattie di questo genere, il che mi ha molto allarmato e gettato in uno stato ansioso.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
le sono molto franco.
Malgrado le rassicurazioni che chiunque potrà fornirle, lei ricondurrà qualunque sintomo ad una infezione da HIV.
Nell'interesse della sua salute mentale, a 40gg dal rapporto faccia un test HIV I-II di IV generazione, lo consideri definitivo e chiuda definitivamente la questione.
Non occorrono test per HBV ed HCV.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Egregio Dr. Carlarola,

la ringrazio per la risposta.
Volevo dirLe che non penso di essere nella posizione per contestare il parere di un medico, pertanto se mi rassicura che non necessito di un test, va bene. Se invece necessito di un test per escludere seppur la remota possibilità di infezione, procederò a farlo superati i giorni.
Grazie e scusi per il disturbo.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Per me non necessita di alcun test.
Ma non mi scriva tra una settimana che ha le afte in bocca o la faringe infiammata ed è preoccupato di avere una sindrome retrovirale acuta.
Buona serata,
Dott. Caldarola.