Utente 923XXX
Spett.li dottori, a seguito di un'amputazione apicale del V dito mano sinistra (a causa di una sedia a sdraio), mia fiqlia di 8 anni ha subito un intervento di chirurgia di lembo a V-Y secondo Tsuge lo scorso giugno...i medici sono stati molto bravi ma naturalmente il dito è più corto, l'estetica ne risente perchè l'unghia è avanzata e quel che è peggio è che la bimba lamenta ovviamente una scarsa sensibilità del dito!Sarà possibile in futuro fare un secondo intervento per migliorare l'estetica? ..Quantificare il recupero della sensibilità? Se sì dove'?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Data la giovane età è prevedibile che col tempo si abbia un buon recupero della sensibilità, e anche un buon adattamento, per cui la minor sensibilità viene notata meno. Per quantificare la sensibilità residua vi sono dei test che si basano sulla capacità di distinguere superfici diverse, di discriminare due punti vicini, di percepire forme diverse; esiste anche il test alla ninidrina, essendo la sudorazione della cute in stretta dipendenza con l'innervazione, ma senza pretese di quantificare. Questi test possono essere utilizzati nella valutazione medico-legale di un infortunio; nel Suo caso temo che insistere sul problema della sensibilità potrebbe influire sul superamento del trauma, senza reali vantaggi per la bambina, non essendo modificabile dall'esterno. Per quanto riguarda l'estetica (ma non so cosa voglia dire con "l'unghia è avanzata") è difficile dare un parere senza vedere com'è il dito. Tenga presente che con il passare del tempo anche l'aspetto estetico migliora, aiutato anche dall'accrescimento.
Spero di aver risposto ai Suoi dubbi
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 923XXX

Iscritto dal 2008
grazie della risposta