hiv  
 
Utente 432XXX
Gentili dottori sono estremamente preoccupato , in quanto ho il timore di aver contratto l hiv.

Ad aprile ho avuto un insolito raffreddore molto forte (premetto che ho sempre goduto di ottima salute nonostante uno stile di vita non proprio salutista ) che il mio dottore ha curato con 5 giorni di antibiotico suprax.
La cosa che mi ha preoccupato è che gli antibiotici questa volta non hanno fatto effetto e sono dovuto ricorrere al pronto soccorso in quanto l influenza si è tramutata in otite catarrale , ragione per cui ho seguito 2 settimane di augmentin. L antibiotico questa volta ha funzionato ed è rimasta solo la sensazione di catarro nell orecchio sx che poi è definitivamente andato via con una settimana di cortisonico dirahist.
Il seguente quadro clinico mi ha molto spaventato perché di solito non avevo mai dovuto seguire cure così lunghe (in passato avevo avuto bronchiti ma erano sempre sparite in brevissimo tempo con antibiotici)
. L otorino che mi ha curato aveva notato anche una candidosi orale che però non è passata nonostante una settimana di falconcino di mycostatin. Questa situazione ha acceso in me (soffro già di ansia e depressione che curo con un terapeuta ) il dubbio che io abbia contratto il virus dell hiv. Conosco il mio corpo e mi sento più strano del solito . Attualmente sto bene , tranne che per la lingua bianca e nonostante prenda fermenti lattici e abbia smesso con alcool e cannabis per lo spavento la lingua non appare comunque rosa , cioè guarita .
In questa situazione di angoscia ho cercato di capirne di più , premetto che ho ricevuto parecchi rapporti orali , ma ho letto anche su riviste specializzate anglosassoni che la possibilità di contrarre hiv ricevendo sesso orale sia prossima allo zero (a meno di evidenti lesioni nel cavo orale che comunque non ho riscontrato in alcun partner).
La cosa che mi preoccupa è che a parte la lingua bianca ho spesso freddo a mani e piedi . Non ho avuto altre sintomi particolari , ma avendo cambiato stile di vita ho perso parecchi chili in soli 2 mesi (circa 8kg).
Soffrendo già di ansia sono letteralmente terrorizzato da questa terribile eventualità: possibile che io abbbia contratto l hiv ricevendo sesso orale ? Come mai un raffreddore è diventato otite media e poi otite catarrale rovinandomi la vita per un mese ?
Sono così spaventato che non ho nemmeno riferito al otorino che la settimana di mycostatin non sono bastate a farmi passare la candisosi orale . ribadisco che non ho avuto altre infezioni di alcun tipo è che comunque ho ricevuto solo sesso orale sebbene non protetto. Cosa mi sta succedendo? Ho timore che questo stato mi faccia sprofondare anche di più nell ansia e depressione e ho paura di cosa potrebbe succedere dopo il test. Chiedo quindi aiuto ...
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
c'è una soluzione semplicissima:
a 40gg dall'ultimo rapporto a rischio faccia un test HIV di IV generazione.
Se è negativo lo consideri definitivo e curi solo la sua patologia psichiatrica.
Buona serata.
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Gentile dottore a questo ci ero arrivato anche io senza laurea in medicina.
Volevo una risposta più specifica e professionale, sopratutto riguardo la probabilità e la casistica di contagio attraverso il sesso orale !!!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Non ho capito che casistica potrei fornirle.
Lei sa benissimo che un rapporto sessuale orogenitale, una fellatio per essere chiari, non protetta è da considerare un rapporto a rischio per TUTTE le MST.
Per ovvie ragioni una fellatio in cui lei ci mette la bocca è a maggiore rischio per HIV di quanto non lo sia una insertiva ( in cui ci mette il pene): ma il rischio zero non esiste in Medicina e non esiste nemmeno in questa situazione.
Le possibilità di contrarre le altre MST (Sifilide, HPV, Gonorrea, uretriti da patogeni intracellulari genito urinari e da miceti, mollusco contagioso, ulcera venerea....) sono identiche nella fellatio insertiva e in quella recettiva.
Questo dice l'infettivologia.
Se poi lei ne era già al corrente senza essere laureato in medicina è un'aggravante non una attenuante.
Si rivolga a un centro per MST della sua Città o se preferisce da un infettivologo di sua fiducia per i test del caso.
Buona serata.
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Concordo con lei dottore , ma si parlava di ricevere sesso orale , non di farlo.
Per quanto riguarda le altre malattie sono ovviamente concorde.

Per finire cito questo suo post, a meno lei non abbia cambiato idea naturalmente .

"Gentile Signore,
ribadisco che ricevere una fellatio non la espone a rischi per HIV." Cit VC

Lo definiva comunque a bassissimo rischio; non vorrei sembrarle pedante ma esistono studi su questa specifica casistica ?

Cordiali saluti e buona serata !
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Mi posta il Link del consulto?
"Lo definiva comunque a bassissimo rischio; non vorrei sembrarle pedante ma esistono studi su questa specifica casistica ?"
Vorrei rileggerlo per intero.
[#6] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Il link è il seguente :

http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/459112-sesso_orale_hiv.html?refresh_ce

Ora, non è mia intenzione tediarla con questo argomento ...volevo solo la conferma che se si teoricamente è possibile in pratica è molto complicato che accada !

Ho letto tonnellate di articoli in inglese sul argomento e tutti concordano sul fatto che
:" è teoricamente possibile ma praticamente improbabile "
Tutti i dottori intervistati concordano sul fatto che sia "extremely low risk".


A mio avviso , con tutto il rispetto sarebbe importante mantenere le cose in un prospettiva realistica non in una teorica.

Perché teoricamente potrebbe anche cascarmi sulla testa un meteorite fiammeggiante stanotte , ma la probabilità che accada è abbastanza risibile ☺️

Grazie ancora della disponibilità.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Beh le dirò
Se infettivologi assai più illustri di me parlano di rischio estremamente basso, concetto che si ribadiva nel consulto di cui ha postato il link, le assicuro che le probabilità di infezione sono assai più alte di quelle che stanotte le cada un meteorite sulla testa, fiammeggiante.
Io le ribadisco che le fellatio insertive non protette sono a rischio minimo ma a rischio reale.
Poi faccia come vuole: faber est quisque fortunae suae!
Con ciò la saluto e chiudo il consulto
Dott. Caldarola.